ACC Meeting
American Heart Association
Associazione Silvia Procopio

Calcificazione della arteria coronarica per guidare un approccio personalizzato basato sul rischio per l'inizio e l'intensificazione della terapia antipertensiva


L'utilizzo del rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche ( ASCVD ) per personalizzare gli obiettivi del trattamento per la pressione arteriosa sistolica ( SBP ) è un argomento di crescente interesse.
Uno studio ha valutato se il calcio coronarico ( CAC ) possa guidare ulteriormente l'assegnazione dell’intensità del trattamento anti-ipertensivo.

Sono stati inclusi 3.733 partecipanti dello studio MESA ( Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis ) con pressione sistolica tra 120 e 179 mm Hg. 
All'interno di sottogruppi classificati sia dalla pressione sistolica ( 120-139 mm Hg, 140-159 mm Hg e 160-179 mm Hg ) sia dalla stima del rischio ASCVD a 10 anni ( utilizzando le equazioni American College of Cardiology / American Heart Assocation ), sono stati confrontati gli hazard ratio aggiustati per le multivariabili per l'esito composito di ASCVD incidente o insufficienza cardiaca dopo ulteriore stratificazione per CAC ( 0, 1-100, o superiore a 100 ).

È stato stimato il numero necessario da trattare a 10 anni per un obiettivo intensivo di pressione sistolica di 120 mm Hg applicando il beneficio del trattamento registrato in meta-analisi per i tassi di eventi all'interno degli strati di calcificazione coronarica.

L'età media era di 65 anni, e 642 eventi compositi hanno avuto luogo nel corso di un periodo mediano di 10.2 anni. 

Nelle persone con pressione sistolica inferiore a 160 mm Hg, il punteggio relativo al calcio coronarico ha stratificato il rischio di eventi.

Ad esempio, tra i soggetti con un rischio ASCVD inferiore al 15% e con pressione sistolica da 120 a 139 mm Hg o da 140 a 159 mm Hg, rispettivamente, sono stati trovati hazard ratio ( HR ) crescenti per gli eventi con CAC da 1 a 100 ( 1.7 o 2.0 ) e CAC superiore a 100 ( 3.0 o 5.7 ), tutti relativi a CAC=0. 

Non sono state rilevate associazioni statistiche tra CAC ed eventi quando la pressione sistolica era compresa tra 160 e 179 mm Hg, indipendentemente dal livello di rischio ASCVD.

Il numero necessario da trattare ( NNT ) stimato a 10 anni per un obiettivo di pressione sistolica di 120 mm Hg è variato sostanzialmente secondo i livelli di CAC quando è stato previsto un rischio ASCVD inferiore al 15% e pressione sistolica inferiore a 160 mm Hg ( ad esempio, NNT a 10 anni di 99 per CAC=0 e 24 per CAC superiore a 100, quando pressione sistolica era di 120-139 mm Hg ).

Tuttavia, alcuni partecipanti con rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica inferiore al 5% avevano elevato punteggio CAC.

Inoltre, le stime del numero necessario da trattare a 10 anni erano particolarmente basse e sono variate meno tra gli strati di CAC quando la pressione sistolica era da 160 a 179 mm Hg o quando il rischio ASCVD era uguale o superiore al 15% a qualsiasi livello di pressione arteriosa sistolica.

In conclusione, l'imaging CAC combinato a valutazioni del rischo di malattia cardiovascolare aterosclerotica globale ha il potenziale per guidare obiettivi di pressione sistolica personalizzati ( ad esempio, la scelta di un obiettivo tradizionale di 140 mm Hg o un obiettivo più intensivo di 120 mm Hg ), in particolare tra gli adulti con un rischio ASCVD stimato del 5-15% e pre-ipertensione o ipertensione lieve. ( Xagena2017 )

McEvoy JW et al, Circulation 2017; 135: 153-165

Cardio2017



Indietro