CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Ematologia.net

Effetto del trattamento intensivo della pressione arteriosa sugli esiti riferiti dal paziente


I risultati pubblicati in precedenza dello studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) hanno dimostrato che tra i partecipanti con ipertensione e un aumento del rischio cardiovascolare, ma senza diabete mellito, i tassi di eventi cardiovascolari erano più bassi tra quelli assegnati a una pressione arteriosa sistolica target inferiore a 120 mm Hg ( trattamento intensivo ) rispetto a quelli assegnati a un target inferiore a 140 mm Hg ( trattamento standard ).
Non era chiaro se un trattamento così intensivo potesse influenzare i risultati riferiti dal paziente.

Sono stati riportati i risultati dello studio.

9.361 partecipanti con ipertensione sono stati assegnati in modo casuale a un target di pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mm Hg o a un target inferiore a 140 mm Hg.

Le misure di esito riferite dal paziente includevano i punteggi sul Physical Component Summary ( PCS ) e il Mental Component Summary ( MCS ) del Veterans RAND 12-Item Health Survey, la scala di depressione Patient Health Questionnaire 9-item ( PHQ-9 ), la soddisfazione riportata dal paziente con i farmaci per la pressione arteriosa e l'aderenza a questi farmaci.

Sono stati confrontati i punteggi del gruppo di trattamento intensivo con quelli del gruppo di trattamento standard tra tutti i partecipanti e tra i partecipanti stratificati in base alla funzione fisica e cognitiva.

I partecipanti che hanno ricevuto un trattamento intensivo hanno ricevuto in media un altro farmaco antipertensivo e la pressione arteriosa sistolica è risultata inferiore di 14.8 mm Hg nel gruppo sottoposto a trattamento intensivo rispetto al gruppo che ha ricevuto un trattamento standard.

I punteggi medi PCS, MCS e PHQ-9 sono risultati relativamente stabili su una mediana di 3 anni di follow-up, senza differenze significative tra i due gruppi di trattamento.
Non sono state rilevate differenze significative tra i gruppi di trattamento quando i partecipanti sono stati stratificati in base alle misure della funzione fisica o cognitiva al basale.

La soddisfazione per la cura della pressione è stata elevata in entrambi i gruppi di trattamento e non sono state riscontrate differenze significative nell'aderenza ai farmaci anti-ipertensivi.

In conclusione, gli esiti riferiti dal paziente tra i partecipanti che hanno ricevuto un trattamento intensivo, mirati a una pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mm Hg, sono stati simili a quelli tra i partecipanti che hanno ricevuto un trattamento standard, compresi quelli con ridotta funzionalità fisica o cognitiva. ( Xagena2017 )

Berlowitz DR et al, N Engl J Med 2017; 377: 733-744

Cardio2017 Farma2017


Indietro