Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting
GICR - Congresso

Valutazione del rischio cardiovascolare nella diagnosi e nel trattamento della ipertensione


Lo studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) ha dimostrato un beneficio nel ridurre la pressione sanguigna sistolica ( SBP ) a 120 mm Hg, ma altri studi, come HOPE-3 ( Heart Outcomes Prevention Evaluation-3 ), non hanno trovato vantaggi consistenti.
Non è chiaro come incorporare questi risultati nel trattamento dei pazienti con elevata pressione sistolica nella popolazione generale.

È stata valutata la rappresentatività di SPRINT e HOPE-3 nei pazienti statunitensi, e sono stati esaminati i profili di rischio delle malattie cardiovascolari di varie popolazioni con elevata pressione sistolica.

Lo studio ha esaminato i dati provenienti da adulti non-in-gravidanza di età compresa tra 20 e 79 anni che avevano partecipato al 2007-2012 National Health and Nutrition Examination Survey ( NHANES ) con dati completi disponibili ( n=14.142 ), in rappresentanza di 206.9 milioni di adulti negli Stati Uniti.
Lo studio è stato effettuato dal 2015 al 2016.

Lo studio ha stimato il numero e le caratteristiche dei pazienti adulti con pressione sistolica di 120 mm Hg o superiore, includendo l’ammissibilità di SPRINT e HOPE-3, e ha stabilito chi poteva avere l'inizio di un trattamento richiesto o l’intensificazione se venivano applicati vari criteri di studio o basati sul rischio.

NHANES ha incluso valutazioni cliniche complete da Centri mobili su 15.974 adulti di età compresa tra 20 e 79 anni ( età media, 45.9 anni ).
Lo studio ha escluso 182 donne incinte e 1.650 adulti in cui i dati di rischio cardiovascolare non erano disponibili, lasciando una popolazione finale di studio di 14.142 ( 50.5% donne e 49.5% uomini ).

Si stima che circa 53.3 milioni di pazienti non-trattati e 19.8 milioni di pazienti trattati adulti negli Stati Uniti hanno valori di pressione sistolica nella zona grigia di diagnosi e trattamento ( 120-139 mm Hg ), una piccola parte dei quali sarebbe stata eleggibile per SPRINT ( 5.4% non-trattati, 13.9% trattati ) o HOPE-3 ( 13.9% trattati, 1.7% non-trattati ).

Anche tra i soggetti con precedente malattia cardiovascolare o alto rischio di malattia cardiovascolare ed elevata pressione sistolica ( 120-139 mm Hg ), in pochi si sarebbero qualificati per SPRINT ( 27.0% e 21.9% dei pazienti non-trattati e trattati, rispettivamente ) o HOPE-3 ( 10.6 % e 2.1% non-trattati e trattati, rispettivamente ).

Se le raccomandazioni per il trattamento della pressione sanguigna fossero estese agli adulti con pressione sistolica tra 120 e 139 mm Hg, così come precedente malattia cardiovascolare o rischio cardiovascolare del 15% o superiore, allora 5.8 milioni di adulti non-trattati sarebbero riclassificati come ammissibili al trattamento; inoltre, 8.5 milioni di pazienti trattati richiederebbero l’intensificazione del trattamento farmacologico.

In conclusione, milioni di adulti negli Stati Uniti hanno elevata pressione sistolica e alto rischio cardiovascolare, la maggior parte dei quali non sarebbe stata idonea per SPRINT.
Finché non diventano disponibili più evidenze definitive, i medici dovrebbero prendere in considerazione una gestione sulla base del rischio cardiovascolare, oltre alle misurazioni della pressione arteriosa. ( Xagena2016 )

Navar AM et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 864-871

Cardio2016



Indietro