Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra pressione arteriosa e rigidità arteriosa con attività cognitiva in 2 coorti di bambini e adulti


Alti livelli di pressione arteriosa e più alta rigidità arteriosa hanno dimostrato di essere associati a una minore attività cognitiva durante l'età adulta, possibilmente da cambiamenti cumulativi nel tempo.
Tuttavia, i fattori vascolari possono già influenzare il cervello durante i primi anni di vita.

È stata esaminata la relazione tra attività cognitiva e fattori vascolari in 5.853 bambini dello studio Generation R ( età media 6.2 anni ) e 5.187 adulti dello studio Rotterdam ( età media 61.8 anni ).

Sono state valutate la pressione arteriosa diastolica e sistolica e la rigidità arteriosa, quest'ultima misurando la velocità dell'onda di polso e la pressione differenziale.

Per l'attività cognitiva, lo studio Generation R si basava sull'intelligenza non-verbale, mentre lo studio Rotterdam si basava su una batteria di test cognitivi per calcolare il fattore g, una misura della attività cognitiva globale.

Nello studio Generation R, la pressione diastolica standardizzata ha mostrato una associazione significativa con l'intelligenza non-verbale standardizzata ( beta=-0.030 ) dopo la completa regolazione.
Questa associazione si è mantenuta dopo aver escluso il decile diastolico superiore ( beta=-0.042 ), suggerendo che la relazione vale nei normotesi.

All'interno dello studio Rotterdam, l' attività cognitiva standardizzata si è associata linearmente a pressione sistolica standardizzata ( beta=-0.036 ), velocità standard dell'onda di polso ( beta=-0.064 ) e pressione di polso standardizzata ( beta=-0.044 ), e non linearmente con la pressione diastolica standardizzata ( termine quadratico beta=-0.032 ) dopo la completa regolazione.

In conclusione, la pressione arteriosa e l'attività cognitiva potrebbero già essere correlate nella popolazione generale durante la prima infanzia, anche se in modo diverso rispetto all'età adulta. ( Xagena2018 )

Lamballais S et al, J Am Heart Assoc 2018;7(21):e009847. doi: 10.1161/JAHA.118.009847.

Cardio2018 Neuro2018 Pedia2018



Indietro