52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra pressione arteriosa sistolica e diastolica e mortalità per tutte le cause nel diabete di tipo 2 di nuova diagnosi


È stato esaminato in uno studio di coorte retrospettivo l'effetto della pressione sistolica e diastolica nel primo anno di trattamento sulla mortalità per tutte le cause nei pazienti con nuova diagnosi di diabete mellito di tipo 2, con o senza malattia cardiovascolare.

E’ stato utilizzato il database GPRD ( United Kingdom General Practice Research Database ), tra il 1990 e il 2005, e sono stati esaminati 126.092 pazienti adulti ( età di 18 anni o superiore ) con una nuova diagnosi di diabete mellito di tipo 2, registrata per almeno 12 mesi.

La principale misura di esito era la mortalità per tutte le cause.

Prima della diagnosi, 12.379 pazienti ( 9.8% ) soffrivano di malattie cardiovascolari ( infarto del miocardio o ictus ).

Nel corso di un follow-up mediano di 3.5 anni, sono stati registrati 25.495 decessi ( 20.2% ).

Nelle persone con malattia cardiovascolare, uno stretto controllo della pressione arteriosa sistolica ( inferiore a 130 mmHg ) e diastolica ( inferiore a 80 mmHg ) non è risultato associato a un miglioramento della sopravvivenza, dopo aggiustamento per le caratteristiche basali ( età alla diagnosi, sesso, pratica di clustering, punteggio di deprivazione, indice di massa corporea, fumo, livelli di emoblogina glicosilata [ HbA1c ], livelli di colesterolo, e pressione sanguigna ).

Una bassa pressione sanguigna era anche associata a un aumentato rischio di mortalità per qualsiasi causa.

Rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il controllo abituale della pressione arteriosa sistolica ( 130-139 mmHg ), l’hazard ratio ( HR ) di mortalità per tutte le cause è stato pari a 2.79 ( P minore di 0.001 ) per la pressione arteriosa sistolica a 110 mmHg.

Rispetto ai pazienti che hanno ricevuto un controllo abituale della pressione arteriosa diastolica ( 80-84 mmHg ), gli hazard ratio sono stati 1.32 ( P=0.04 ) e 1.89 ( P minore di 0.001 ) per la pressione arteriosa diastolica, rispettivamente, a 70-74 mmHg e inferiore a 70 mmHg.

Sono state riscontrate associazioni simili in persone senza malattia cardiovascolare.

Analisi dei sottogruppi di persone con diagnosi di ipertensione e che hanno ricevuto il trattamento per l'ipertensione hanno confermato i primi risultati.

In conclusione, la pressione sanguigna inferiore a 130/80 mmHg non era associata a un ridotto rischio di mortalità per qualsiasi causa nei pazienti con diabete mellito di nuova diagnosi, con o senza malattia cardiovascolare nota.
Una bassa pressione del sangue, in particolare al di sotto di 110/75 mmHg, era associata a un aumentato rischio di esiti negativi. ( Xagena2012 )

Panna Vamos E et al, BMJ 2012; 345: e5567


Cardio2012 Endo2012



Indietro