Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Contributo dei dispositivi elettronici impiantabili cardiaci alla formazione di trombi in pazienti con ipertensione polmonare tromboembolica cronica


È stata identificata la prevalenza di dispositivi elettronici impiantabili cardiaci ( CIED ) in pazienti con ipertensione polmonare tromboembolica cronica ( CTEPH ) ed è stato descritto il carico di malattia.

L' ipertensione polmonare tromboembolica cronica è una malattia debilitante, ora potenzialmente curabile con tromboendoarterectomia polmonare ( PTE ).
Il contributo dei dispositivi elettronici impiantabili cardiaci alla trombosi in questa popolazione di pazienti non è stato studiato in precedenza.

Le cartelle cliniche di 982 pazienti con ipertensione polmonare tromboembolica cronica, sottoposti a tromboendoarterectomia polmonare tra il 2009 e il 2015 presso University of California-San Diego ( UCSD ) Medical Center ( Stati Uniti ), sono state esaminate per pacemaker o defibrillatori cardioverter impiantabili ( ICD ) innestati prima dell'intervento chirurgico.

Tra i 982 pazienti con ipertensione polmonare tromboembolica cronica sottoposti a tromboendoarterectomia polmonare, 14 avevano pacemaker e 3 avevano ICD, con 17 dispositivi elettronici impiantabili cardiaci e una prevalenza dell'1.7%.
Di questi 17 dispositivi elettronici impiantabili cardiaci, 6 dispositivi sono stati estratti durante l'intervento e 5 dei 6 dispositivi sono stati sostituiti con conduttori epicardici.

Inoltre, dei 950 pazienti classificati a livello intraoperatorio da UCSD, 12 pazienti su 17 ( 70.6% ) con dispositivi elettronici impiantabili cardiaci avevano malattia distale rispetto a 241 pazienti su 933 ( 25.8% ) senza dispositivi elettronici impiantabili cardiaci ( P=0.0002 ).

La prevalenza di tromboembolismo venoso noto ( VTE ) è stata del 50% nei pazienti con dispositivi elettronici impiantabili cardiaci rispetto al 78.6% nei pazienti senza i dispositivi CIED ( P=0.018 ).

In conclusione, con un valore di 1.7%, la prevalenza di dispositivi elettronici impiantabili cardiaci nella popolazione sottoposta a tromboendoarterectomia polmonare è stata superiore rispetto ai valori precedentemente riportati, che stimavano una prevalenza di dispositivi elettronici impiantabili cardiaci tra lo 0.16% e lo 0.47% nella popolazione generale.
Inoltre, i pazienti con ipertensione polmonare tromboembolica cronica e dispositivi elettronici impiantabili cardiaci sono risultati più fortemente associati con un carico di malattia distale e meno probabilità di aver sofferto in precedenza di tromboembolismo venoso, il che suggerisce che i dispositivi elettronici impiantabili cardiaci possano essere un focolaio per piccoli coaguli che embolizzano distalmente nel sistema vascolare polmonare. ( Xagena2018 )

Nayak R et al, JACC Clin Electrophysiol 2018; 4: 1431-1436

Cardio2018 Pneumo2018



Indietro