Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Danno renale acuto ed esiti cardiovascolari nell’ipertensione acuta grave


L'associazione tra disfunzione renale ed esiti nell'ipertensione acuta grave è poco nota.

Uno studio ha misurato l'associazione tra malattia renale cronica al basale ( velocità di filtrazione glomerulare stimata ), danno renale acuto ( diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare maggiore o uguale a 25% dal basale ) ed esito in pazienti ricoverati in ospedale per ipertensione acuta grave.

Il registro STAT ( Studying the Treatment of Acute Hypertension ) comprende pazienti con ipertensione acuta grave, definita come una o più misurazioni della pressione sanguigna sistolica maggiore di 180 mmHg e/o diastolica maggiore di 110 mmHg, e trattati con terapia intravenosa antipertensiva.

All'ammissione, il 79% della coorte ( n=1566 ) mostrava malattia renale cronica di livello almeno lieve ( velocità di filtrazione glomerulare stimata inferiore a 60 mL/min nel 46%, inferiore a 30 mL/min nel 22% ).

I pazienti con malattia renale cronica hanno mostrato maggiore probabilità di sviluppare insufficienza cardiaca ( P inferiore a 0.0001 ), infarto del miocardio senza sopraslivellamento del segmento ST ( P=0.003 ) e danno renale acuto ( P inferiore a 0.007 ).

I pazienti con danno renale acuto sono risultati a maggior rischio di insufficienza e arresto cardiaco ( P inferiore o uguale a 0.0001 per entrambi ) e hanno mostrato maggiore mortalità a 90 giorni ( P=0.003 ).

Qualunque perdita acuta della velocità di filtrazione glomerulare stimata durante il ricovero in ospedale è risultata indipendentemente associata a un aumento del rischio di morte ( odds ratio, OR=1.05; P=0.03 per una diminuzione di 10 mL/min ).

Altri predittori indipendenti di mortalità hanno incluso aumento dell'età ( P inferiore a 0.0001 ), genere maschile ( P=0.016 ), razza bianca versus nera ( P=0.003 ) e peggiore funzione renale al basale ( P=0.003 ).

In conclusione, la malattia renale cronica è una comorbilità comune tra pazienti ricoverati in ospedale con ipertensione acuta grave e il danno renale acuto è una forma frequente di disfunzione acuta dell'organo bersaglio, in particolare nei pazienti con malattia cronica al basale e ciascun grado di danno renale acuto è associato a un maggior rischio di morbilità e mortalità. ( Xagena2010 )

Szczech LA et al, Circulation 2010; 121: 2183-2191


Cardio2010 Nefro2010



Indietro