Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Dieta e fattori di rischio legati allo stile di vita associati a ipertensione nelle donne


L’ipertensione è un importante fattore di rischio prevenibile per quanto riguarda la morte nelle donne.
Mentre molti fattori di rischio modificabili sono stati identificati, il loro rischio combinato e la loro distribuzione nella popolazione non sono stati valutati.

Ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e Harvard Medical School a Boston negli Stati Uniti, hanno condotto uno studio prospettico di coorte per stimare l’ipotetica frazione di incidenza di ipertensione associata a fattori legati a dieta e stile di vita nelle donne.

Sono state coinvolte 83.882 donne adulte di età compresa tra 27 e 44 anni che hanno preso parte al secondo Nurses' Health Study; le donne non presentavano storia di ipertensione, malattia cardiovascolare, diabete o cancro nel 1991 e la loro pressione sanguigna era normale ( definita come pressione sistolica inferiore o uguale a 120 mmHg e pressione diastolica maggiore o uguale a 80 mmHg ) con un follow-up per l’ipertensione incidente di 14 anni fino al 2005.

Sono stati identificati 6 fattori di rischio modificabili per ipertensione legati a dieta e stile di vita.

I 6 fattori di basso rischio di ipertensione erano indice di massa corporea ( BMI ) inferiore a 25, una media di 30 minuti al giorno di esercizio fisico intenso, un alto punteggio nella dieta DASH ( Dietary Approaches to Stop Hypertension ) in base alle risposte a un questionario sulla frequenza del consumo di alimenti, un consumo di alcol moderato fino a 10 g/giorno, l’uso di analgesici non-narcotici meno di una volta a settimana e l’assunzione di 400 microgrammi o più al giorno di Acido Folico come supplementazione.

È stata analizzata l’associazione tra le combinazioni di 3 fattori di basso rischio ( indice di massa corporea normale, esercizio intenso giornaliero e dieta di tipo DASH ), 4 ( 3 fattori di basso rischio più consumo moderato di alcol ), 5 ( 4 fattori di rischio moderato più astensione dall’uso di analgesici non-narcotici ) e 6 ( supplementazione di Acido Folico maggiore o uguale a 400 microg/giorno ) e il rischio di sviluppare ipertensione.

Le principali misure di esito erano l’hazard ratio per ipertensione incidente riferita dalle donne arruolate nello studio e il rischio attribuibile di popolazione.

Sono stati osservati in totale 12.319 casi incidenti di ipertensione.
Tutti i 6 fattori di rischio modificabili sono risultati associati in modo indipendente al rischio di sviluppare ipertensione nel corso del follow-up anche dopo aggiustamento per età, razza, storia familiare di ipertensione, abitudine al fumo e uso di contraccettivi orali.

Per le donne che avevano tutti i 6 fattori di basso rischio ( 0,3% della popolazione ), l’hazard ratio per l’ipertensione incidente è stato di 0.22; l’ipotetico rischio attribuibile di popolazione del 78% per le donne che non avevano questi fattori di basso rischio.

La corrispondente ipotetica differenza nel tasso di incidenza assoluto è stata di 8.37 casi per 1000 persone-anno.
Il rischio attribuibile di popolazione è stato del 72% ( differenza nel tasso di incidenza assoluto: 7.76 casi per 1000 persone-anno ) per 5 fattori di basso rischio ( 0.8% della popolazione ), 58% ( differenza nel tasso di incidenza assoluto: 6.28 casi per 1000 persone-anno ) per 4 fattori di basso rischio ( 1.6% della popolazione ) e 53% ( differenza nel tasso di incidenza assoluto: 6.02 casi per 1000 persone-anno ) per 3 fattori di basso rischio ( 3.1% della popolazione ).

L’indice di massa corporea da solo è risultato il più forte predittore di ipertensione e un indice di massa corporea di 25 o superiore è risultato associato a un rischio attribuibile di popolazione aggiustato del 40% rispetto a un indice inferiore a 25.

In conclusione, l’aderenza a fattori di basso rischio legati a dieta e stile di vita è associata a una minore incidenza di ipertensione.
Adottare questi fattori di basso rischio aiuta potenzialmente a prevenire una vasta proporzione di nuovi casi di ipertensione che si osservano tra le giovani donne. ( Xagena2009 )

Forman JP et al; JAMA. 2009; 302: 401-411


Cardio2009


Indietro