Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

I pazienti con ipertensione arteriosa polmonare possono trarre beneficio dal trattamento con beta-bloccanti


I pazienti con ipertensione arteriosa polmonare che sono stati trattati con Carvedilolo ( Dilatrend et altri ) hanno presentato esiti migliori.

Ricercatori della Cleveland Clinic negli Stati Uniti hanno analizzato i dati di 30 pazienti con ipertensione arteriosa polmonare, terapeuticamente stabilizzati 30 giorni prima dell'arruolamento.

I pazienti hanno monitorato la pressione arteriosa a casa durante una fase di run-up di 1 settimana prima di essere assegnati casualmente a Carvedilolo fino alla dose massima tollerata di 25 mg due volte al giorno ( n=10, età media, 53 anni, 60% donne ), al dosaggio di 3.125 mg di Carvedilolo due volte al giorno ( n=10, età media, 42 anni, 70% donne ) oppure a placebo ( n=10, età media, 38 anni, 80% donne ).
Il farmaco è stato somministrato per 24 settimane.

Il follow-up prevedeva telefonate settimanali e visite settimanali per monitorare lo stato clinico, valutare gli effetti negativi e raccogliere i dati riguardanti gli esiti.

Sono stati anche analizzati i dati di un gruppo di controllo ( n=12, età media, 42 anni, 83% donne ).

L'endpoint primario era la valutazione dell'assorbimento del glucosio da parte del miocardio durante 18FDG-PET ( Fluorodesossiglucosio-PET ) a digiuno.
Gli endpoint secondari includevano cambiamenti nelle valutazioni come parametri ecocardiografici e distanza percorsa in 6 minuti.

I pazienti assegnati a Carvedilolo hanno ridotto la frequenza cardiaca.

Dopo aggiustamento per l'età, la frequenza cardiaca è rimasta bassa nel gruppo Carvedilolo a dosaggio crescente, rispetto al placebo, a 1 mese ( P=0.05 ) e a 3 mesi ( P=0.07 ).
La frequenza cardiaca è risultata correlata al dosaggio di Carvedilolo a 1 mese ( P = 0.006 ) e a 3 mesi ( P = 0.04 ).

La pressione sistolica è diminuita dai valori basali ( 122 mm Hg ) nei pazienti trattati con Carvedilolo al mese 1 (114 mm Hg; P = 0.04 ) e al mese 3 di follow-up ( 112 mm Hg; P =0 .08). Anche la pressione diastolica è diminuita dal basale ( 81 mm Hg ) al mese 1 ( 71 mm Hg; P = 0.05) e a 3 mesi ( 73 mm Hg; P = 0.03 ).

La distanza percorsa in 6 minuti a piedi non è risultata differente tra tutti e tre i gruppi. I pazienti nel gruppo con incremento graduale della dose hanno presentato una riduzione della frequenza cardiaca al picco di esercizio e a 1 minuto dopo l'esercizio fisico.

A 3 mesi, i pazienti del gruppo a basso dosaggio fisso hanno presentato un aumento della frequenza cardiaca di recupero ( 36 battiti al minuto ), rispetto al gruppo placebo ( 12 battiti al minuto; P = 0.03 ).
Dopo aggiustamento per l'età, è stata riscontrata ancora una differenza ( P = 0.01 ). ( Xagena2017 )

Fonte: JCI Insight, 2017

Cardio2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro