Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
XagenaNewsletter

Imatinib mesilato come terapia aggiuntiva per ipertensione arteriosa polmonare


Con il suo effetto inibitorio sulla segnalazione del fattore di crescita derivato dalle piastrine ( PDGF ), Imatinib ( Gleevec, Glivec ) potrebbe essere efficace nel trattamento dei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare.

Lo studio IMPRES ( Imatinib in Pulmonary Arterial Hypertension, a Randomized, Efficacy Study ), uno studio in doppio cieco, randomizzato, di 24 settimane, controllato con placebo, ha valutato Imatinib nei pazienti con resistenza vascolare polmonare maggiore o uguale a 800 dyn s cm(-5) sintomatica in trattamento con due o più terapie per l’ipertensione arteriosa polmonare.

L'esito primario era il cambiamento nella distanza percorsa a piedi in 6 minuti.
Gli esiti secondari comprendevano cambiamenti di emodinamica, classe funzionale, livelli sierici di segmento N-terminale del peptide natriuretico ( NT-BNP ) e tempo di peggioramento clinico.

Dopo il completamento dello studio di base, i pazienti potevano entrare in uno studio di estensione a lungo termine in aperto.

Dei 202 pazienti arruolati, il 41% dei pazienti ha ricevuto 3 trattamenti per l’ipertensione arteriosa polmonare, e il resto ha ricevuto due terapie.

Dopo 24 settimane, l'effetto medio del trattamento corretto per il placebo sulla distanza percorsa a piedi in 6 minuti è stato di 32 m ( P=0.002 ), un effetto mantenuto nello studio di estensione nei pazienti rimasti in terapia con Imatinib.

La resistenza vascolare polmonare è diminuita di 379 dyn s cm-5 ( P minore di 0.001, differenza tra i gruppi ).

La classe funzionale, il tempo di peggioramento clinico e la mortalità non sono risultati differenti tra i trattamenti.

Eventi avversi gravi e interruzioni del trattamento sono stati più frequenti con Imatinib rispetto al placebo ( 44% vs 30% e 33% vs 18%, rispettivamente ).
Un ematoma subdurale si è verificato in 8 pazienti ( 2 nello studio di base, 6 nella estensione ) trattati con Imatinib e anticoagulanti.

In conclusione, Imatinib ha migliorato la capacità di esercizio e l'emodinamica nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare avanzata, ma gravi eventi avversi e interruzioni della somministrazione del farmaco di studio sono stati comuni.
Sono necessari ulteriori studi per valutare la sicurezza a lungo termine e l'efficacia di Imatinib in pazienti con ipertensione arteriosa polmonare. ( Xagena2013)

Hoeper MM et al, Circulation 2013; 127: 1128-1138

Cardio2013 Pneumo2013 Farma2013


Indietro