52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Incrementi cronici della pressione arteriosa aumentano il rischio di disfunzione ventricolare sinistra nella mezza età


Una pressione arteriosa costantemente elevata a partire dall’età di 18-30 anni fino alla mezza età è risultata associata a disfunzione sistolica e diastolica in un gruppo di adulti di mezza età in buona salute, secondo una nuova analisi dello studio CARDIA ( Coronary Artery Risk Development in Young Adults ).

Nell'analisi, l’esposizione cumulativa all’alta pressione arteriosa ha avuto un impatto maggiore sulla funzione diastolica rispetto alla funzione sistolica, con un effetto maggiore dell’innalzamento della pressione arteriosa diastolica rispetto a quella sistolica sulla disfunzione del ventricolo sinistro sia in fase sistolica sia diastolica.

Il principale obiettivo dell'analisi era quello di studiare l'influenza dell’esposizione cumulativa all’alta pressione dall’età giovanile ( giovane adulto ) alla mezza età sulla funzione ventricolare sinistra.

Nello studio CARDIA, uomini e donne di razza bianca e nera di età compresa tra i 18 e i 30 anni sono stati reclutati da quattro città degli Stati Uniti nel periodo 1985-1986, e seguiti per 25 anni.
Le misurazioni della pressione sanguigna sono state prese al basale e a 2.5, 7, 10, 15, 20, e a 25 anni.
La pressione arteriosa è stata misurata come variabile cumulativa ( pressione in mmHg moltiplicato per l'anno ad ogni visita ambulatoriale ).

Alla chiusura dello studio ( 25° anno ), quando i ricercatori hanno effettuato l'analisi, l'età media era di 50 anni.
La pressione sistolica è aumentata gradualmente dopo i 35 anni, mentre la pressione diastolica e la pressione arteriosa media sono aumentate gradualmente dal basale prima di raggiungere un plateau nella quarta decade.

La pressione arteriosa cumulativa non è risultata associata a disfunzione sistolica del ventricolo sinistro ( frazione d'eiezione del ventricolo sinistro inferiore a 50% ).
Al contrario, la pressione media cumulativa sistolica, diastolica e arteriosa erano tutti predittori di disfunzione diastolica, definiti come un rapporto E/e’ maggiore di 15, con l’elevata pressione diastolica più fortemente associata alla disfunzione diastolica.
In un modello di rischio completamente corretto, la più alta pressione sistolica e diastolica erano predittori significativi di disfunzione sistolica o diastolica.

Per quanto riguarda le implicazioni cliniche, il trattamento a lungo termine di un innalzamento della pressione sistolica e diastolica riduce il rischio di insufficienza cardiaca.
Nella coorte esaminata, molti partecipanti non erano ipertesi all'età di 18 anni e fino a 30 anni.
Tuttavia, l'esposizione cronica a più alti valori di pressione sanguigna, anche all'interno di quello che è considerato il range di normalità, è risultata indipendentemente correlata a disfunzione ventricolare sinistra 25 anni dopo.

Per i giovani adulti, la prevenzione della disfunzione ventricolare sinistra nel corso della vita può avvenire riducendo i livelli di sodio, mantenendo un peso corporeo ideale, e svolgendo adeguata attività fisica quotidiana. ( Xagena2015 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2015

Cardio2015



Indietro