Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

LCZ696, il capostipite degli inibitori del recettore dell'angiotensina e della neprilisina: sicurezza ed efficacia nei pazienti con ipertensione e disfunzione renale


Uno studio multicentrico, in aperto, della durata di 8 settimane, ha valutato la sicurezza e l'efficacia di LCZ696, il capostipite degli inibitori del recettore dell'angiotensina e della neprilisina, in pazienti giapponesi con ipertensione e disfunzione renale.

I pazienti ( n=32 ) con valori medi di pressione sistolica da seduti ( msSBP ) maggiore o uguale a 140 mmHg ( dopo 2-5 settimane di wash-out da precedenti farmaci antipertensivi ) e velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) maggiore o uguale a 15 e inferiore a 60 ml min(-1) 1.73 m(-2) hanno ricevuto LCZ696 100 mg con una titolazione opzionale a 200 e a 400 mg in modo sequenziale a partire dalla seconda settimana in pazienti con insufficiente controllo della pressione sanguigna ( msSBP maggiore o uguale a 130 mmHg e valori medi di pressione diastolica [ msDBP ] maggiori o uguali a 80 mmHg ) e senza problemi di sicurezza.

La sicurezza è stata valutata attraverso il monitoraggio e la registrazione di tutti gli eventi avversi e il cambiamento dei livelli di potassio e di creatinina.
L'efficacia è stata valutata come variazione rispetto al basale di msSBP e msDBP.

La pressione media di base era 151.6 / 86.9 mmHg, la media geometrica del rapporto urinario albumina / creatinina ( UACR ) era pari a 7.3 mg mmol(-1) e la velocità di filtrazione glomerulare stimata era maggiore o uguale a 30 e inferiore a 60 in 25 ( 78.1% ) pazienti ed era superiore o uguale a 15 e inferiore a 30 in 7 ( 21.9% ) pazienti.

Quattordici ( 43.8% ) pazienti hanno riportato almeno un effetto avverso, ma di gravità moderata. Non sono state segnalate gravi reazioni avverse o eventi ad esito fatale.

Non sono stati osservati cambiamenti clinicamente significativi della creatinina, potassio, azoto ureico e della velocità di filtrazione glomerulare stimata.

La riduzione media geometrica del tasso UACR è stata del 15.1%, e la riduzione media di msSBP e di msDBP è stata, rispettivamente, pari a 20.5 ± 11.3 e 8.3 ± 6.3 mmHg, dal basale alla 8.a settimana.

I risultati hanno indicato che LCZ696 può rappresentare un approccio terapeutico promettente nei pazienti con ipertensione e disfunzione renale e può offrire benefici a livello renali, oltre che sulla pressione arteriosa.
Oltre ai vantaggi cardiovascolari e renali del blocco del recettore AT1, LCZ696 esercita inibizione della neprilisina, migliorando l'azione dei peptidi natriuretici. Questi peptidi promuovono la natriuresi e la diuresi e inibiscono il sistema nervoso simpatico e la secrezione di aldosterone.
I peptidi natriuretici possono anche fornire una protezione renale nei pazienti con disfunzione renale, riducendo la pressione intraglomerulare mediante effetti antiproliferativi e antipertrofici.

I potenziali limiti di questo studio comprendono: il disegno in aperto, le piccole dimensioni del campione e la durata relativamente breve.

In conclusione, questo studio di 8 settimane ha dimostrato che LCZ696, un inibitore del recettore dell'angiotensina e della neprilisina, è generalmente sicuro ed efficace nei pazienti giapponesi con ipertensione e disfunzione renale, mantenendo la funzionalità renale. ( Xagena2015 )

Ito S et al, Hypertens Res 2015; 38: 269-275

Cardio2015 Nefro2015 Farma2105


Indietro