52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Miglioramenti clinici ed emodinamici dopo l'aggiunta di Ambrisentan alla terapia di base con inibitori PDE5 nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare e risposta terapeutica subottimale: studio ATHENA-1


L'ipertensione arteriosa polmonare ( PAH ) è una condizione che può portare a insufficienza ventricolare destra e morte prematura.
Mentre dati recenti supportano la combinazione iniziale di Ambrisentan ( un ERA selettivo, antagonista dei recettori dell'endotelina ) e Tadalafil ( un inibitore di PDE5, inibitore della fosfodiesterasi 5 ) nei pazienti di classe funzionale II o III, non ci sono dati pubblicati che descrivono la sicurezza e l'efficacia di Ambrisentan quando aggiunto a pazienti che già ricevono un inibitore di PDE5 e che esibiscono una risposta subottimale.

L'obiettivo dello studio ATHENA-1 è stato quello di descrivere la sicurezza e l'efficacia dell'aggiunta di Ambrisentan in questa popolazione di pazienti.

I pazienti con ipertensione arteriosa polmonare e con una risposta subottimale alla monoterapia in corso con un inibitore di PDE5, sono stati assegnati, in aperto, ad Ambrisentan, e sottoposti a valutazione per un massimo di 48 settimane.

L'emodinamica cardiopolmonare ( cambiamento di resistenze vascolari polmonari [ PVR ] come endpoint primario ) è stata valutata alla settimana 24 e i parametri funzionali e i biomarcatori sono stati misurati alla settimana 48.
Sono anche stati descritti il tempo al peggioramento clinico ( TTCW ) e la sopravvivenza.

Trentatré pazienti sono stati inclusi nell'analisi.

Alla settimana 24 sono stati osservati miglioramenti statisticamente significativi delle resistenze vascolari polmonari ( -32% ), pressione arteriosa polmonare media ( mPAP ) ( -11% ) e indice cardiaco ( CI ) ( +25% ).

I miglioramenti emodinamici alla settimana 24 sono stati ulteriormente supportati da miglioramenti negli endpoint secondari: 6 minuti di cammino ( +18 metri ), NT-proBNP ( frammento amino-terminale di BNP ) ( -31% ) e mantenimento o miglioramento della classe funzionale secondo OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) nel 97% dei pazienti.

Gli eventi avversi si sono dimostrati in linea con gli effetti noti di Ambrisentan.

In conclusione, i miglioramenti emodinamici, funzionali e dei biomarcatori osservati nello studio ATHENA-1 hanno confermato che l'aggiunta di Ambrisentan a pazienti che non hanno una risposta soddisfacente alla monoterapia con un inibitore di PDE5 è un'opzione ragionevole. ( Xagena2017 )

Shapiro S et al, Respir Med 2017; 126: 84-92

Cardio2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro