Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Ritmi circadiani nella regolazione della pressione sanguigna e ottimizzazione del trattamento dell'ipertensione con Ace-inibitori e sartani


Le caratteristiche specifiche della pressione sanguigna nelle 24 ore sono legate alla lesione progressiva del tessuto bersaglio e al rischio di eventi cardiaci e cerebrovascolari.

Alcuni studi hanno mostrato un'associazione tra abbassamento della pressione sanguigna durante il sonno e aumento dell'incidenza di eventi cardiovascolari fatali e non-fatali.

Esiste quindi un crescente interesse relativo al modo di ottenere un migliore controllo della pressione sanguigna durante il sonno notturno oltre all'attività diurna, secondo le particolari esigenze di ogni paziente iperteso.

Un approccio ha preso in considerazione i determinanti del ritmo circadiano endogeno nel modello di pressione sanguigna nelle 24 ore, in particolare le prevalenti variazioni giorno-notte del sistema renina-angiotensina-aldosterone, che si attivano durante il sonno notturno.

Una serie di studi clinici ha dimostrato un effetto diverso degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( ACE ) Benazepril, Captopril, Enalapril, Lisinopril, Perindopril, Quinapril, Ramipril, Spirapril e Trandolapril quando ingeriti regolarmente al mattino rispetto alla sera.

Nella maggior parte dei casi, la somministrazione serale esercita un effetto più marcato sulla media della pressione sanguigna sul soggetto addormentato rispetto al soggetto sveglio.

Allo stesso modo, l'assunzione programmata di bloccanti dei recettori dell'angiotensina ( sartani ) Irbesartan, Olmesartan, Telmisartan, Valsartan una volta al giorno alla sera, rispetto al mattino, esercita maggiore effetto terapeutico sulla pressione sanguigna da addormentati, con una più significativa riduzione della pressione sanguigna durante il sonno notturno, e con la normalizzazione del profilo circadiano della pressione sanguigna verso un pattern dipping, indipendentemente dall'emivita del farmaco.

La cronoterapia, il tempo di trattamento secondo i ritmi del corpo, permette di identificare e di ottimizzare, in modo costo-efficace, il trattamento dell'ipertensione attraverso la normalizzazione del livello e dell'andamento della pressione sanguigna nelle 24 ore, e può costituire un'opzione efficace per ridurre il rischio cardiovascolare. ( Xagena2011 )

Hermida RC et al, Am J Hypertens 2011; 24: 383-391


Cardio2011 Farma2011


Indietro