CardioPreventariab.it
ACC Meeting
American Heart Association

Il controllo standard della pressione arteriosa rispetto al controllo intensivo migliora gli esiti delle malattie cardiovascolari negli anziani


Un obiettivo di pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mm Hg rispetto a un obiettivo inferiore a 140 mm Hg porta a tassi significativamente più bassi di eventi cardiovascolari fatali e non-fatali e di morte da qualsiasi causa.

Il target di trattamento appropriato per la pressione arteriosa sistolica ( SBP ) nei pazienti anziani con ipertensione è stato oggetto di studio.
Sono stati valutati gli effetti di obiettivi di SBP intensivi ( pressione inferiore a 120 mm Hg ), rispetto allo standard ( inferiore a 140 mm Hg ), in persone di età a partire da 75 anni con ipertensione, ma senza diabete mellito.

Uno studio clinico multicentrico, randomizzato, ha compreso i pazienti di età a partire da 75 anni che hanno partecipato allo studio SPRINT, Systolic Blood Pressure Intervention Trial.
Il reclutamento è iniziato nel 2010 e il follow-up si è concluso nel 2015.

I partecipanti sono stati randomizzati per una pressione sistolica target inferiore a 120 mm Hg ( gruppo di trattamento intensivo, n=1.317 ) o una pressione sistolica target inferiore a 140 mm Hg ( gruppo di trattamento standard, n=1.319 ).

L'esito primario di malattia cardiovascolare era un composito di infarto miocardico non-fatale, sindrome coronarica acuta non risultante in un infarto miocardico, ictus non-fatale, insufficienza cardiaca acuta scompensata non-fatale e morte per cause cardiovascolari.
La mortalità per tutte le cause era un risultato secondario.

Tra i 2.636 partecipanti ( età media, 79.9 anni; 37.9% donne ), 2.510 ( 95.2% ) hanno fornito dati completi di follow-up.

A un follow-up medio di 3.14 anni, c'è stato un tasso significativamente inferiore di esito primario composito ( 102 eventi nel gruppo di trattamento intensivo vs 148 eventi nel gruppo di trattamento standard; rapporto di rischio HR=0.66 ) e di mortalità per tutte le cause ( 73 decessi vs 107 decessi, rispettivamente, HR=0.67 ).

Il tasso globale di eventi avversi gravi non è stato differente tra i gruppi di trattamento ( 48.4% nel gruppo di trattamento intensivo vs 48.3% nel gruppo di trattamento standard; HR=0.99 ).

I tassi assoluti di ipotensione sono stati 2.4% nel gruppo di trattamento intensivo vs 1.4% nel gruppo di trattamento standard ( HR=1.71 ), 3.0% vs 2.4%, rispettivamente, per sincope ( HR=1.23 ), 4.0% vs 2.7% per alterazioni elettrolitiche ( HR=1.51 ), 5.5% vs 4.0% per danno renale acuto ( HR=1.41 ) e 4.9% vs 5.5% per cadute dannose ( HR=0.91 ).

In conclusione, tra gli adulti di età a partire da 75 anni, il trattamento con un obiettivo di pressione sistolica inferiore a 120 mm Hg, rispetto a un obiettivo inferiore a 140 mm Hg, ha portato a tassi significativamente più bassi di grandi eventi cardiovascolari fatali e non-fatali e di morte dovuta a qualsiasi causa. ( Xagena2016 )

Williamson JD et al, JAMA 2016; 315: 2673-2682

Cardio2016



Indietro