Ipertensione.net

Ipertensione

L’ipertensione e il diabete mellito spesso si presentano insieme e sinergicamente aumentano il rischio cardiovascolare. Tra coloro che sviluppano diabete mellito durante il trattamento per l'iperten ...


Le recenti linee guida sull'ipertensione raccomandano che, anche nell’alto rischio cardiovascolare, la pressione arteriosa dei pazienti ipertesi venga abbassata a meno di 140/90 mm Hg, dato che non so ...


I meccanismi di insufficienza del ventricolo destro nella ipertensione arteriosa polmonare ( PAH ) sono poco conosciuti. Le anomalie nel metabolismo degli acidi grassi sono state descritte in modell ...


I vantaggi del trattamento per l’abbassamento della pressione sanguigna per la prevenzione delle malattie cardiovascolari sono ben stabiliti. Tuttavia, la misura in cui questi effetti si differenziano ...


Le recenti linee guida sull’ipertensione hanno invertito le precedenti raccomandazioni per più bassi obiettivi di pressione sanguigna nei pazienti ad alto rischio, come in quelli con malattie cardiova ...


Le donne di 40 anni d’età o superiore che hanno fatto uso di contraccettivi orali possono andare incontro a un aumentato rischio di ipertensione oculare o di glaucoma auto-riferito. I dati sono sta ...


La denervazione renale ( RDN ) è una terapia per il trattamento dell'ipertensione resistente ( TRH ). Gli studi Symplicity HTN-1 e Symplicity HTN-2 hanno riportato tassi di risposta superiori all' ...


L'acido urico è associato ad aumentato rischio di malattie cardiovascolari e rigidità arteriosa nei pazienti con ipertensione o ictus. Non è noto se l'acido urico sia associato a rigidità arteriosa ...


È stato valutato l'impatto della normale pressione arteriosa verso gli alti valori, alla presentazione, sugli esiti clinici e sulla funzione cardiaca nei pazienti con infarto del miocardio con soprasl ...


L'ipertensione è un fattore di rischio importante nella progressione della malattia renale cronica. Anche se l'ipertensione è più diffusa e trattata più spesso tra i pazienti con malattia renale cro ...


È stato precedentemente sviluppato un punteggio per predire gli eventi cardiovascolari nel medio termine in una popolazione di pazienti ipertesi anziani. In uno studio, si è cercato di estendere il ...


I microsanguinamenti cerebrali sono stati osservati negli anziani e sono stati considerati come una manifestazione di malattia dei piccoli vasi. La malattia dei piccoli vasi a livello cerebrale e gl ...


La relazione tra pressione arteriosa al momento del ricovero per ictus ischemico acuto e l'esito è controversa. Si è valutato se la sola pressione sistolica, la sola pressione diastolica, entrambe o ...


La diagnosi di ipertensione è spesso preceduta da anomalie strutturali cardiache. Si è valutato se la troponina T cardiaca ad alta sensibilità ( hs-cTnT ), un marcatore di danno miocardico subclinico, ...


Una pressione arteriosa costantemente elevata a partire dall’età di 18-30 anni fino alla mezza età è risultata associata a disfunzione sistolica e diastolica in un gruppo di adulti di mezza età in buo ...


Ricercatori dell'Università di Vigo in Spagna hanno concluso uno studio affermando che i farmaci per l’ipertensione dovrebbero essere assunti durante la notte, in quanto contribuiscono a controllare l ...


Sono stati riportati gli effetti contraddittori dell’abbassamento della pressione sanguigna con denervazione dell'arteria renale con catetere in pazienti con ipertensione resistente. È stata confr ...


È stata valutata la relazione tra livelli di troponina cardiaca ( cTn ) con pressione misurata in modo convenzionale e a livello ambulatoriale in adulti giovani e sani mediante un'analisi trasversale ...


I pazienti anziani con diabete mellito o malattia renale che hanno una pressione arteriosa sistolica di 140-149 mmHg hanno un rischio di ictus più elevato di quello di pazienti simili con pressione si ...


L'ipertensione contribuisce alla morbilità e mortalità cardiovascolare. E’ stata valutata la sicurezza e l'efficacia di una anastomosi arterovenosa iliaca centrale per alterare le proprietà meccanic ...


Una bassa concentrazione plasmatica di 25-idrossivitamina D ( 25OHD ) è associata ad alta pressione arteriosa e al rischio di ipertensione, ma non si sa se questa associazione sia causale. È stato u ...


Si è verificato se i benefici dei farmaci per abbassare la pressione sanguigna siano proporzionali al rischio cardiovascolare basale, per stabilire se il rischio assoluto possa essere utilizzato per p ...


Sono stati presentati i risultati a lungo termine della denervazione della arteria renale per il trattamento della ipertensione farmaco-resistente nello studio SYMPLICITY HTN-2. Un totale di 106 so ...


La denervazione renale è un nuovo approccio per il trattamento di pazienti con ipertensione resistente ai farmaci. Ad oggi, solo dati limitati sono stati pubblicati utilizzando sistemi di ablazione a ...


La denervazione renale con ablazione a radiofrequenza riduce in modo sostanziale la pressione sanguigna in pazienti con ipertensione resistente al trattamento. Uno studio ha valutato sul lungo peri ...


Per quasi 30 anni, la terapia anticoagulante è stata raccomandata per i pazienti con ipertensione arteriosa polmonare idiopatica. Gli elementi di prova, tuttavia, sono limitati, e non è chiaro se qu ...


Uno studio ha indagato l'effetto della denervazione renale ( RDN ) nei pazienti con ipertensione resistente al trattamento secondo la definizione stabilita ( linee guida Joint National Committee VII e ...


Uno studio ha cercato di determinare l'efficacia della restrizione di sodio alimentare per migliorare la disfunzione endoteliale vascolare negli adulti di mezza età o anziani con pressione sanguigna s ...


Le donne con disordini ipertensivi durante la gravidanza sono a più alto rischio di malattia renale cronica e a malattia renale allo stadio terminale, rispetto alle donne senza questi disturbi.I distu ...


Si hanno poche informazioni per quanto riguarda l'associazione tra disfunzione diastolica del ventricolo sinistro e gli esiti nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare ( PAH ) idiopatica o ere ...


Uno studio di coorte ha si è posto l’obiettivo di verificare l’esistenza di una associazione tra uso di bloccanti del recettore della angiotensina ( anche detti sartani ) e rischio di cancro.Lo studio ...


È stato esaminato in uno studio di coorte retrospettivo l'effetto della pressione sistolica e diastolica nel primo anno di trattamento sulla mortalità per tutte le cause nei pazienti con nuova diagnos ...


L’ipertensione sistemica è prevalente nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno.Studi nel breve periodo hanno indicato che la terapia con pressione positiva continua nelle vie aeree riduce la pressi ...


Una dieta ad alto contenuto di sodio ha un ridotto effetto a breve termine sulla pressione arteriosa nei soggetti senza ipertensione ma, per motivi non chiari, è associata a ipertensione se viene assu ...


L’ipertensione polmonare arteriosa associata a schistosomiasi può essere una delle forme più diffuse di ipertensione polmonare arteriosa in tutto il mondo. Tuttavia, la risposta clinica ed emodinamica ...


Un lieve danno cerebrovascolare si sviluppa nel corso della vita, ed è già evidente nei giovani adulti; ciò sottolinea la necessità di un precoce, ottimale, controllo della ...


Lo studio JOINT ( Jikei Optimal Anthihypertensive Treatment ) ha originariamente valutato l'effetto di una formulazione con dose fissa di Losartan ( 50 mg ) più 12.5 mg di Idroclorotiazide ( Hi ...


Nonostante i risultati promettenti ottenuti in studi a breve termine, l'effetto a lungo termine del consumo abituale di frutta e verdura sulla pressione arteriosa rimane incerto. È stata quindi ...


Il ritmo circadiano della pressione arteriosa deve ancora essere definito tra individui con ipotensione ortostatica. Uno studio prospettico ha valutato se l’ipotensione ortostatica è asso ...


I valori di cut-off diagnostici per il monitoraggio nelle 24 ore della pressione arteriosa ( ABPM ) in pazienti diabetici non sono stabiliti.Uno studio ha esaminato le associazioni tra pressione sangu ...


Uno studio di revisione ha valutato gli effetti di una alta assunzione di sodio versus una bassa assunzione di sodio su pressione sanguigna, renina, aldosterone, catecolamine e lipidi.Sono stati inclu ...


Uno studio ha cercato di chiarire l'influenza della terapia a base di Candesartan ( Blopress, Ratacand ) sulla successiva carcinogenesi e morte per cancro nei pazienti con malattia coronarica e con ip ...


Si è cercato di determinare se i livelli di pressione arteriosa a cui si ottiene protezione cardiovascolare differiscono tra i pazienti diabetici e quelli non-diabetici nello studio ONTARGET (O ...


Differenze nella pressione sistolica uguali o superiori a 10 mmHg o a 15 mmHg tra le braccia sono state associate a malattia vascolare periferica e attribuite a stenosi della succlavia.Uno studio ha v ...


Il rischio di cancro da farmaci anti-ipertensivi è un tema molto dibattuto e una recente analisi ha mostrato un aumento del rischio con i bloccanti del recettore della angiotensina ( anche detti sarta ...


Il rapporto aldosterone - renina ( ARR ) è un indice di attività inappropriata dell'aldosterone e sensibilità al sale. È stato in precedenza riportato che un rapporto aldosterone-renina elevato potreb ...


Le caratteristiche specifiche della pressione sanguigna nelle 24 ore sono legate alla lesione progressiva del tessuto bersaglio e al rischio di eventi cardiaci e cerebrovascolari.Alcuni studi hanno mo ...


La maggior parte delle lineeguida per il trattamento dell’ipertensione raccomandano un obiettivo di pressione sanguigna inferiore a 140/90 mmHg e un obiettivo più aggressivo inferiore a 130/80 mmHg pe ...


L'ipertensione nei pazienti di età superiore a 65 anni dovrebbe essere gestita in modo aggressivo al fine di ridurre morbilità e mortalità cardiovascolari, secondo un nuovo Expert Consensus. Il docume ...


Studi osservazionali hanno riportato un’associazione inversa tra assunzione alimentare di proteine e pressione sanguigna.Uno studio ha confrontato l’effetto delle proteine della soia, proteine del lat ...



2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer