52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Associazione della vitamina-D con la pressione arteriosa e il rischio di ipertensione


Una bassa concentrazione plasmatica di 25-idrossivitamina D ( 25OHD ) è associata ad alta pressione arteriosa e al rischio di ipertensione, ma non si sa se questa associazione sia causale.
È stato utilizzato un approccio di randomizzazione mendeliana per verificare se la concentrazione di 25OHD sia causalmente associata con la pressione del sangue e il rischio di ipertensione.

In questo studio con randomizzazione mendeliana, è stato generato un punteggio per allele ( punteggio di sintesi di 25OHD ) sulla base di varianti di geni che influenzano la sintesi di 25OHD o la disponibilità di substrato ( CYP2R1 e DHCR7 ), usati per la concentrazione di 25OHD.

Sono stati sottoposti a meta-analisi un massimo di 108.173 pazienti provenienti da 35 studi nella collaborazione D-CarDia per indagare le associazioni tra le misurazioni del punteggio per allele e la pressione sanguigna.

Queste analisi sono state completate con statistiche riassuntive precedentemente pubblicate dall’International Consortium on Blood Pressure ( ICBP ), Cohorts for Heart and Aging Research in Genomic Epidemiology ( CHARGE ) consortium, e Global Blood Pressure Genetics ( Global BPGen ) consortium.

Nelle analisi fenotipiche ( fino a n=49.363 ), la concentrazione aumentata di 25OHD è stata associata a una diminuzione della pressione arteriosa sistolica ( beta per aumento del 10%, -0.12 mmHg; P=0.003 ) e ridotte probabilità di ipertensione ( odds ratio, OR=0.98; P=0.0003 ), ma non con diminuzione della pressione arteriosa diastolica ( beta per aumento del 10%, -0.02 mmHg; P=0.37 ).

In meta-analisi in cui sono stati uniti i dati di D-Cardia e ICBP ( n=146.581, dopo l'esclusione degli studi sovrapposti ), ogni allele di aumento di 25OHD del punteggio di sintesi è stato associato a una variazione di -0.10 mmHg della pressione arteriosa sistolica ( da -0.21 a -0.0001; P=0.0498 ) e con una variazione di -0.08 mmHg della pressione arteriosa diastolica ( da -0.15 a -0.02; P=0.01 ).

Quando i dati di D-Cardia e dei consorzi per l'ipertensione sono stati meta-analizzati insieme ( n=142.255 ), il punteggio di sintesi è stato associato a una ridotta probabilità di ipertensione ( OR per allele, 0.98; P=0.001 ).

Nell'analisi variabile strumentale, ogni aumento del 10% nella concentrazione geneticamente strumentata di 25OHD è risultato associato a una variazione di -0.29 mmHg della pressione arteriosa diastolica ( da -0.52 a -0.07; P=0.01 ), una variazione di -0.37 mmHg nella pressione sanguigna sistolica ( da -0.73 a 0.003; P=0.052 ) e una probabilità di ipertensione diminuita dell’8.1% ( OR=0.92; P=0.002 ).

Aumentate concentrazioni plasmatiche di 25OHD potrebbero ridurre il rischio di ipertensione.
Questo risultato richiede ulteriori indagini in uno studio indipendente, di potenza simile. ( Xagena2014 )

Vimaleswaran KS et al, Lancet 2014;2:719-729

Cardio2014 Endo2014



Indietro