Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Associazione di frammento N-terminale del propeptide natriuretico cerebrale ed esito a lungo termine nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare: studio GRIPHON


I livelli di NT-proBNP ( frammento N-terminale del propeptide natriuretico cerebrale ) sono inclusi nell'approccio di valutazione del rischio multiparametrico per ipertensione arteriosa polmonare ( PAH ) delineato nelle lineeguida per la PAH.
Tuttavia, i dati a supporto dell'utilizzo delle soglie di rischio NT-proBNP nella valutazione della prognosi nella ipertensione arteriosa polmonare sono limitati.
Lo studio GRIPHON ( Prostacyclin PGI2 Receptor Agonist In Pulmonary Arterial Hypertension ) ha preso in esame il valore prognostico delle soglie NT-proBNP in uno studio clinico controllato e ha valutato la risposta a Selexipag ( Uptravi ) secondo queste soglie.

Lo studio GRIPHON guidato dagli eventi ha assegnato casualmente pazienti a Selexipag oppure al placebo.
I pazienti sono stati classificati post hoc in sottogruppi di valori di NT-proBNP bassi, medi e alti secondo due serie indipendenti di soglie: terzili basali: inferiore a 271 ng/l; da 271 a 1.165 ng/l; maggiore di 1.165 ng/l; e cutoff delle linee guida del 2015 European Society of Cardiology / European Respiratory Society: inferiore a 300 ng/l; da 300 a 1.400 ng/l; maggiore di 1.400 ng/l.

Gli hazard ratio ( Selexipag vs placebo ) sono stati calcolati per l'endpoint primario ( eventi di morbilità / mortalità compositi ) per categoria di NT-proBNP al basale.

Con entrambe le soglie, le categorie di NT-proBNP di base e di follow-up sono risultate altamente prognostiche per futuri eventi di morbilità / mortalità durante lo studio ( P minore di 0.0001 ).

Nell'analisi dipendente dal tempo, il rischio di manifestare un evento di morbilità / mortalità è stato inferiore del 92% e dell'83% nei pazienti trattati con Selexipag con un livello di NT-proBNP basso e medio, e inferiore del 90% e del 56% nei pazienti trattati con placebo con un livello di NT-proBNP basso e medio, rispetto ai pazienti con un livello di NT-proBNP alto.

Selexipag ha ridotto il rischio di eventi di morbilità / mortalità in tutte e 3 le categorie di NT-proBNP sia nelle analisi basali che dipendenti dal tempo, con un beneficio terapeutico più pronunciato di Selexipag osservato nei sottogruppi con NT-proBNP medio-basso ( valori P per interazione 0.20 e 0.007 nelle analisi di base e dipendenti dal tempo ).

Queste analisi hanno stabilito in modo ulteriore la rilevanza prognostica dei livelli di NT-proBNP nella ipertensione arteriosa polmonare e hanno fornito le prime prove dell'associazione tra livello di NT-proBNP e risposta al trattamento.
Utilizzando due insiemi di soglie simili, queste analisi supportano la rilevanza delle categorie di NT-proBNP basse, medie e alte come parte dell'approccio di valutazione del rischio multiparametrico delineato nelle lineeguida European Society of Cardiology / European Respiratory Society per la gestione dei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare. ( Xagena2019 )

Chin KM et al, Circulation 2019; 139: 2440-2450

Cardio2019 Farma2019


Indietro