Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Associazione tra apnea ostruttiva del sonno trattata e non-trattata e rischio di ipertensione


L’ipertensione sistemica è prevalente nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno.

Studi nel breve periodo hanno indicato che la terapia con pressione positiva continua nelle vie aeree riduce la pressione sanguigna nei pazienti con ipertensione e apnea ostruttiva del sonno.

È stato condotto uno studio per determinare se la terapia con pressione positiva continua nelle vie aeree fosse associata a un minor rischio di ipertensione incidente.

Lo studio prospettico di coorte ha coinvolto 1.889 partecipanti senza ipertensione che erano stati indirizzati a un Centro del sonno a Saragoza, in Spagna, per una polisonnografia notturna nel periodo 1994-2000.

L’ipertensione incidente è stata documentata alle visite annuali di follow-up fino a gennaio 2011.

La principale misura di esito era la ipertensione di nuova insorgenza.

Nel corso di un follow-up di 21.003 anni-persona ( mediano, 12.2 anni ), sono stati osservati 705 casi ( 37.3% ) di ipertensione incidente.

L’incidenza cruda di ipertensione per 100 anni-persona è stata pari a 2.19 per i controlli, 3.34 per i pazienti con apnea ostruttiva del sonno non-idonei al trattamento con pressione positiva continua nelle vie aeree, 5.84 per i pazienti con apnea ostruttiva del sonno che avevano rinunciato alla terapia con pressione positiva continua nelle vie aeree, 5.12 per i pazienti con apnea ostruttiva del sonno non-aderenti al trattamento con pressione positiva continua nelle vie aeree, e 3.06 per i pazienti con apnea ostruttiva del sonno e trattati con pressione positiva continua nelle vie aeree.

Rispetto ai controlli, gli hazard ratio ( HR ) aggiustati per ipertensione incidente sono risultati maggiori tra i pazienti con apnea ostruttiva del sonno non-idonei al trattamento con pressione positiva continua nelle vie aeree ( HR=1.33 ), tra quelli che avevano rinunciato al trattamento con pressione positiva continua nelle vie aeree ( HR=1.96 ) e tra quelli non-aderenti al trattamento con pressione positiva continua nelle vie aeree ( HR=1.78 ), mentre sono risultati più bassi nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno trattati con pressione positiva continua nelle vie aeree ( HR=0.71 ).

In conclusione, rispetto ai pazienti senza apnea ostruttiva del sonno, la presenza del disturbo è risultata associata a un aumento nel rischio di ipertensione incidente; tuttavia, il trattamento con pressione positiva continua nelle vie aeree era correlato a un minor rischio di ipertensione. ( Xagena2012 )

Marin JM et al, JAMA 2012; 307: 2169-2176

Cardio2012 Pneumo2012



Indietro