52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Associazione tra trattamento della ipertensione sistolica con Clortalidone e sopravvivenza a lungo termine


Nello studio SHEP ( Systolic Hypertension in the Elderly Program ), condotto tra il 1985 e il 1990, la terapia antiipertensiva a base di Clortalidone ( Igroton ) con un modello stepped-care ha portato a un minor tasso di eventi cardiovascolari rispetto al placebo ma gli effetti sulla mortalità non sono risultati significativi.

È stato condotto uno studio
Lo studio è stato condotto su pazienti di età uguale o superiore a 60 anni con ipertensione sistolica reclutati nel periodo 1985-1988 ed aveva come obiettivo quello di valutare l’aumento dell’aspettativa di vita tra i partecipanti assegnati a terapia attiva o a placebo.

Al termine della fase randomizzata di 4.5 anni, a tutti i partecipanti è stato consigliato di ricevere terapia attiva.

L’intervallo temporale tra l’inizio del reclutamento e l’accertamento del decesso è stato di circa 22 anni ( 21 anni 10 mesi ).

Le principali misure di esito erano decesso cardiovascolare e mortalità per tutte le cause.

Al follow-up di 22 anni, il guadagno in termini di aspettativa di vita, espresso come area tra le curve di sopravvivenza attiva ( n=2.365 ) e placebo ( n=2.371 ), è stato di 105 giorni ( P=0.07 ) per mortalità per tutte le cause e 158 giorni ( P=0.009 ) per il decesso cardiovascolare.

Ciascun mese di trattamento attivo è risultato dunque associato a un allungamento di circa 1 giorno dell’aspettativa di vita.

Il gruppo trattamento attivo ha mostrato tassi di sopravvivenza libere da decesso cardiovascolare superiori rispetto al gruppo placebo ( hazard ratio [ HR ], 0.89; P=0.03 ), ma una sopravvivenza simile per la mortalità per tutte le cause ( HR=0.97; P=0.42 ).

Sono stati osservati 1.416 decessi ( 59.9% ) nel gruppo trattamento attivo e 1.435 ( 60.5% ) nel gruppo placebo ( log-rank P=0.38, Wilcoxon P=0.24 ).

Il decesso cardiovascolare è risultato minore nel gruppo trattamento attivo ( 669 decessi [ 28.3% ] ) versus il gruppo placebo ( 735 decessi [ 31.0% ]; log-rank P=0.03, Wilcoxon P=0.02 ).

Il tempo al 70esimo percentile di sopravvivenza è stato di 0.56 anni più lungo nel gruppo trattamento attivo rispetto al gruppo placebo ( 11.53 vs 10.98 anni; P=0.03 ) per la mortalità per tutte le cause e 1.41 anni ( 17.81 vs 16.39 anni; P=0.01 ) per la sopravvivenza libera da decesso cardiovascolare.

In conclusione, nello studio SHEP il trattamento dell’ipertensione sistolica isolata con Clortalidone con modello stepped-care per 4.5 anni è risultato associato a un’aspettativa di vita maggiore durante il follow-up di 22 anni. ( Xagena2011 )

Kostis JB et al, JAMA 2011; 306: 2588-2593



Cardio2011 Farma2011


Indietro