52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Effetti della chirurgia bariatrica nei pazienti obesi con ipertensione


I recenti sforzi di ricerca sulla chirurgia bariatrica si sono concentrati sul metabolismo e sulla risoluzione del diabete mellito.
Sono necessari studi randomizzati per valutare l'impatto della chirurgia bariatrica nei pazienti con obesità e ipertensione.

Nello studio randomizzato, non-in-cieco, GATEAWAY sono stati inclusi pazienti con ipertensione che usavano 2 o più farmaci a dosi massime o più di 2 farmaci a dosi moderate, e con un indice di massa corporea ( BMI ) tra 30.0 e 39.9 kg/m2.
I pazienti sono stati randomizzati al bypass gastrico Roux-en-Y più terapia medica o terapia medica da sola.

L'endpoint primario era la riduzione del 30% o più del numero totale di farmaci antipertensivi mantenendo la pressione arteriosa sistolica e diastolica inferiore a 140 mm Hg e 90 mm Hg, rispettivamente, a 12 mesi.

Sono stati inclusi 100 pazienti ( 70% donne, età media 43.8 anni, indice di massa corporea medio 36.9 kg/m2 ) e il 96% ha completato il follow-up.

Una riduzione del 30% o superiore del numero totale di farmaci antipertensivi mantenendo una pressione arteriosa controllata è avvenuta in 41 su 49 pazienti del gruppo di bypass gastrico ( 83.7% ) rispetto a 6 su 47 pazienti ( 12.8% ) del gruppo di controllo, con un rate ratio di 6.6 ( P minore di 0.001 ).

La remissione dell'ipertensione era presente in 25 su 49 ( 51% ) e in 22 su 48 ( 45.8% ) pazienti randomizzati a bypass gastrico, considerando rispettivamente il monitoraggio della pressione arteriosa in ambulatorio e nelle 24 ore, mentre nessun paziente sottoposto a terapia medica era libero da farmaci antipertensivi a 12 mesi.

Un'analisi post hoc per l'endpoint primario considerando il target SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) ha raggiunto risultati coerenti, con un rate ratio di 3.8 ( P=0.005 ).
11 pazienti ( 22.4% ) nel gruppo di bypass gastrico e nessuno nel gruppo di controllo sono stati in grado di raggiungere i livelli di SPRINT senza antipertensivi.

Circonferenza della vita, indice di massa corporea, glucosio plasmatico a digiuno, glicoemoglobina, colesterolo da lipoproteine a bassa densità ( LDL ), trigliceridi, proteina C-reattiva ad alta sensibilità ( hs-CRP ), e punteggio di rischio Framingham a 10 anni sono stati più bassi nel gruppo di bypass gastrico rispetto al gruppo di controllo.

In conclusione, la chirurgia bariatrica rappresenta una strategia efficace per il controllo della pressione arteriosa in un'ampia popolazione di pazienti con obesità e ipertensione. ( Xagena2018 )

Schiavon CA et al, Circulation 2018; 137: 1132-1142

Cardio2018 Endo2018 Chiru2018



Indietro