Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Effetto anti-albuminurico del bloccante dell’aldosterone Eplerenone nei pazienti ipertesi non-diabetici con albuminuria


Gli inibitori del sistema renina-angiotensina hanno effetti renoprotettivi noti nei pazienti con malattia renale cronica, ma la maggior parte dei pazienti trattati con questi farmaci ha residua escrezione urinaria di albumina.
Alcuni piccoli studi clinici hanno dimostrato che il blocco dei recettori mineralcorticoidi riduce l’albuminuria.
Sono stati valutati gli effetti benefici di aggiunta di un antagonista dell'aldosterone selettivo, Eplerenone ( Inspra ), agli inibitori del sistema renina-angiotensina in pazienti ipertesi con malattia renale cronica non-diabetica.

In questo studio in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, sono stati arruolati pazienti ipertesi, di età compresa tra 20 e 79 anni, con albuminuria ( rapporto albumina-creatinina urinaria [ UACR ] alla prima minzione del mattino ) di 30-599 mg/g, velocità di filtrazione glomerulare stimata di 50 ml/min per 1.73 m2 o superiore, e che avevano ricevuto un inibitore dell’enzima di conversione della angiotensina, un antagonista del recettore della angiotensina, o entrambi, per almeno 8 settimane.

I partecipanti provenivano da 59 cliniche e ospedali in Giappone.
I pazienti eleggibili sono stati randomizzati, stratificando per caratteristiche di base, a Eplerenone a basso dosaggio ( 50 mg/die ) oppure placebo, con continuazione del trattamento antipertensivo standard per raggiungere gli obiettivi terapeutici ( inferiore a 130/80 mmHg ) per 52 settimane.

È stata valutata l'efficacia in tutti i pazienti che hanno ricevuto un trattamento assegnato, hanno fornito un campione di urina al basale e dopo il trattamento, e sono rimasti al follow-up.

La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto un trattamento assegnato.
La misura primaria di efficacia era il cambiamento percentuale di UACR alla prima minzione del mattino alla settimana 52, rispetto al basale.

Nel periodo 2009-2012, sono stati casualmente assegnati 170 pazienti al gruppo Eplerenone e 166 pazienti al gruppo placebo.

Nella analisi di efficacia primaria, la variazione percentuale media di UACR dal basale è stata -17.3% per 158 pazienti nel gruppo Eplerenone rispetto a 10.3% per 146 pazienti nel gruppo placebo ( differenza assoluta -27.6%; P=0.0222 ).

Nelle analisi di sicurezza, 53 pazienti su 169 ( 31% ) nel gruppo Eplerenone hanno avuto eventi avversi ( 5 gravi ), così come 49 pazienti su 163 ( 30% ) nel gruppo placebo ( 7 gravi ).

Anche se la concentrazione media di potassio sierico è stata più alta nel gruppo Eplerenone rispetto al gruppo placebo, non è stata registrata grave iperkaliemia ( superiore a 5.5 mmol/l ) in entrambi i gruppi.

L'aggiunta di basse dosi di Eplerenone agli inibitori del sistema renina-angiotensina potrebbe avere effetti renoprotettivi attraverso la riduzione della albuminuria nei pazienti ipertesi con malattia renale cronica non-diabetica, senza gravi problemi di sicurezza. ( Xagena2014 )

Ando K et al, Lancet 2014;2:944-953

Cardio2014 Farma2014


Indietro