Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Esiti dell'abbassamento intensivo della pressione arteriosa nei pazienti ipertesi anziani


È raccomandato dal 2014 un obiettivo terapeutico di pressione arteriosa sistolica inferiore a 150 mm Hg in pazienti di età uguale o superiore a 60 anni, in contrasto con la raccomandazione precedente di un valore inferiore a 140 mm Hg.

Uno studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza delle strategie intensive di abbassamento della pressione arteriosa nei pazienti ipertesi di età superiore o uguale a 65 anni esaminando tutti gli studi randomizzati controllati rilevanti dal 1965 fino al 2016.
Sono stati valutati eventi cardiovascolari ( eventi cardiovascolari avversi maggiori [ MACE ], mortalità cardiovascolare, ictus, infarto miocardico e insufficienza cardiaca ) e sicurezza ( eventi avversi gravi e insufficienza renale ).

Sono stati identificati 4 studi di alta qualità che hanno coinvolto 10.857 pazienti ipertesi anziani con un follow-up medio di 3.1 anni.

L'abbassamento intensivo della pressione arteriosa è stato associato a una riduzione del 29% negli eventi MACE ( RR=0.71 ), del 33% nella mortalità cardiovascolare ( RR=0.67 ) e del 37% nella insufficienza cardiaca ( RR=0.63 ) rispetto alla riduzione della pressione arteriosa standard.

I tassi di infarto miocardico e ictus non differivano tra i due gruppi

Non c'è stata alcuna differenza significativa nell'incidenza di eventi avversi gravi ( RR=1.02 ) o insufficienza renale ( RR=1.81 ) tra i due gruppi.
Il modello a effetti fissi ha prodotto risultati sostanzialmente simili, ad eccezione di un aumento del rischio di insufficienza renale ( RR=2.03 ) con la terapia intensiva per abbassare la pressione arteriosa.

In conclusione, nei pazienti ipertesi anziani, il controllo intensivo della pressione arteriosa ( pressione sistolica inferiore a 140 mm Hg ) ha ridotto gli eventi avversi cardiovascolari maggiori, inclusa la mortalità cardiovascolare e l'insufficienza cardiaca.
I dati sugli eventi avversi sono stati limitati, ma hanno suggerito un aumento del rischio di insufficienza renale.
Quando si prende in considerazione un controllo intensivo della pressione arteriosa, i medici devono valutare attentamente i benefici rispetto ai potenziali rischi. ( Xagena2017 )

Bavishi C et al, J Am Coll Cardiol 2017, 69: 486-493

Cardio2017



Indietro