Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Farmaci antipertensivi e rischio di cancro


Il rischio di cancro da farmaci anti-ipertensivi è un tema molto dibattuto e una recente analisi ha mostrato un aumento del rischio con i bloccanti del recettore della angiotensina ( anche detti sartani ).

È stata valutata l’associazione tra farmaci antipertensivi e rischio di tumore in una analisi effettuata sui dati derivanti da studi clinici randomizzati sulla terapia anti-ipertensiva ( bloccanti del recettore della angiotensina, ACE inibitori, beta-bloccanti, calcioantagonisti o diuretici ) con un follow-up di almeno 1 anno.

Gli esiti primari erano cancro e decessi legati al cancro.

Sono stati identificati 70 studi randomizzati e controllati ( 148 gruppi comparatori ) con 324.168 partecipanti.

Nella meta-analisi di network ( modello a effetto fisso ) non sono state registrate differenze nel rischio di cancro con i sartani ( proporzione con tumore 2.04%; odds ratio, OR=1.01 ), ACE inibitori ( 2.03%; 1.00 ), beta-bloccanti ( 1.97%; 0.97 ), calcioantagonisti ( 2.11%; 1.05 ), diuretici ( 2.02%; 1.00 ) o altri controlli ( 1.95%, 0.97 ) versus placebo ( 2.02% ).

È stato osservato un aumento del rischio con la combinazione di ACE inibitori più bloccanti del recettore della angiotensina ( 2.30%, 1.14 ); tuttavia, questo rischio non è emerso nel modello a effetti casuali ( OR=1.15 ).

Non sono emerse differenze nella mortalità correlata al cancro per i bloccanti del recettore della angiotensina ( tasso di decesso 1.33%; OR=1.00 ), ACE inibitori ( 1.25%; OR=0.95 ), beta-bloccanti ( 1.23%; OR=0.93 ), calcioantagonisti ( 1.27%; OR=0.96 ), diuretici ( 1.30%; OR=0.98 ), altri controlli ( 1.43%; OR=1.08 ) e ACE inibitori più sartani ( 1.45%; OR=1.10 ).

Nella meta-analisi con confronto diretto, sono stati registrati risultati simili per tutte le classe di antipertensivi, ad eccezione di un aumento del rischio di tumore con la combinazione di ACE inibitori e bloccanti del recettore dell’angiotensina ( OR=1.14; p=0.004 ) e con calcioantagonisti ( OR=1.06; p=0.02 ).

Tuttavia, non sono state notate differenze significative nella mortalità correlata al cancro.

Sulla base della analisi sequenziale, i risultati non hanno mostrato evidenze a sostegno di un aumento di almeno il 5-10% del rischio relativo ( RR ) di tumore e decesso associato al cancro con qualunque singola classe di farmaci anti-ipertensivi studiati.

Tuttavia, per la combinazione tra ACE inibitori e bloccanti del recettore della angiotensina, i dati hanno indicato forti evidenze di un aumento del rischio relativo di almeno il 10% nel rischio di cancro.

In conclusione, questa analisi ha confutato l’aumento relativo del 5-10% nel rischio di cancro o di decesso legato al cancro con l’impiego di bloccanti del recettore dell’angiotensina, ACE inibitori, beta-bloccanti, diuretici e antagonisti del calcio.
Tuttavia, l’aumento del rischio di tumore con la combinazione tra ACE inibitori e sartani non può essere escluso. ( Xagena2011 )

Bangalore S et al, Lancet Oncol 2011; 12: 65-82

Onco2011 Cardio2011 Farma2011


Indietro