Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Farmaci antipertensivi e rischio di demenza incidente e malattia di Alzheimer


La demenza è una delle principali preoccupazioni per la salute per le quali le strategie di prevenzione e trattamento rimangono incerte. Abbassare la pressione alta con specifici farmaci antiipertensivi potrebbe ridurre il carico di malattia.
Si è studiato se specifiche classi di antipertensivi riducano il rischio di demenza.

È stata effettuata una meta-analisi dei dati dei singoli partecipanti da studi osservazionali idonei pubblicati tra il 1980 e il 2019.
Le coorti erano ammissibili all'inclusione se avevano reclutato in modo prospettico adulti residenti nella comunità; avevano incluso oltre 2.000 partecipanti; avevano raccolto dati per eventi di demenza da almeno 5 anni; avevano misurato la pressione sanguigna e verificato l'uso dei farmaci antipertensivi; avevano incluso esami di persona, integrati con dati aggiuntivi, per rilevare eventi di demenza; e avevano seguito i casi di mortalità.

È stata valutata l'associazione tra demenza incidente e malattia di Alzheimer clinica con l'uso di cinque classi di farmaci antipertensivi, all'interno di strati di pressione basale alta ( pressione sistolica SBP maggiore o uguale a 140 mm Hg o pressione diastolica DBP maggiore o uguale a 90 mm Hg ) e normale ( SBP minore di 140 mm Hg e DBP minore di 90 mm Hg ).

È stato impiegato un punteggio di propensione per controllare i fattori di confondimento legati alla probabilità di ricevere antipertensivi.
Sei studi prospettici basati sulla comunità ( n=31.090 adulti privi di demenza ben fenotipizzati di età superiore ai 55 anni ) con follow-up mediani in coorti di 7–22 anni erano ammissibili per l'analisi.

Ci sono stati 3.728 casi incidenti di demenza e 1.741 diagnosi di malattia di Alzheimer.

Nello strato di alta pressione sanguigna ( n=15.537 ), i pazienti che usavano qualsiasi antipertensivo avevano un rischio ridotto per lo sviluppo di demenza ( hazard ratio, HR=0.88, P=0.019 ) e malattia di Alzheimer ( HR=0.84, P=0.021 ) rispetto a quelli che non usavano farmaci antipertensivi.
Non sono state trovata differenze significative tra una classe di farmaci rispetto a tutte le altre sul rischio di demenza.

Nello strato di pressione sanguigna normale ( n=15.553 ), non vi è stata alcuna associazione tra l'uso di farmaci antipertensivi e demenza incidente o malattia di Alzheimer.

Per un lungo periodo di osservazione, non è stata trovata alcuna prova che una specifica classe di farmaci antipertensivi fosse più efficace di altre nel ridurre il rischio di demenza.
Tra le persone con livelli ipertensivi di pressione arteriosa, l'uso di qualsiasi farmaco antipertensivo con efficacia nell’abbassare la pressione arteriosa potrebbe ridurre il rischio di demenza.
Questi risultati hanno indicato che le future lineeguida cliniche per la gestione dell'ipertensione dovrebbero anche considerare l'effetto benefico dei farmaci antipertensivi sul rischio di demenza. ( Xagena2020 )

Ding J et al, Lancet Neurology 2020; 19: 61-70

Neuro2020 Cardio2020 Farma2020


Indietro