Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

La tripla terapia iniziale rispetto alla doppia può migliorare i risultati nella ipertensione arteriosa polmonare di nuova diagnosi: studio TRITON


A 26 settimane, nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare ( PAH ) di nuova diagnosi, la tripla terapia orale in fase iniziale, rispetto alla doppia terapia, ha migliorato l'emodinamica, i valori NT-proBNP e la capacità funzionale, senza differenze tra le strategie.

TRITON è uno studio di fase 3b randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, multicentrico, disegnato per valutare la sicurezza e l'efficacia della tripla terapia orale iniziale con Selexipag ( Uptravi ), Macitentan ( Opsumit ) e Tadalafil ( n = 123 ) rispetto alla doppia terapia orale iniziale con Macitentan e Tadalafil ( n = 124 ) nei pazienti naive-al-trattamento con ipertensione arteriosa polmonare.
Alla randomizzazione è stata somministrata una duplice terapia con Macitentan 10 mg/die e Tadalafil 20 mg/die. La dose di Tadalafil è stata aumentata a 40 mg/die il giorno 8.
Selexipag in doppio cieco o placebo sono stati iniziati con 200 g due volte die il giorno 15, quindi aumentati settimanalmente fino a 12 settimane per raggiungere la dose di mantenimento personalizzata.

I pazienti arruolati avevano avuto una diagnosi di ipertensione arteriosa polmonare nei 6 mesi precedenti. Tre quarti dei pazienti erano donne e l'età media era di 52 anni.
La ipertensione arteriosa polmonare idiopatica e la ipertensione arteriosa polmonare associata a malattia del tessuto connettivo erano le classificazioni di ipertensione arteriosa polmonare più comuni.
La resistenza vascolare polmonare al basale era di 12 unità Wood e i pazienti presentavano un indice cardiaco ridotto.

L'endpoint primario era la variazione della resistenza vascolare polmonare a 26 settimane.

A 26 settimane, è stata riportata una marcata diminuzione della resistenza vascolare polmonare del 54% nel gruppo iniziale con tripla terapia contro il 52% nel gruppo doppia terapia, senza differenze significative tra le due strategie di trattamento ( P = 0.424 ).

Sono stati anche osservati miglioramenti negli endpoint secondari a 26 settimane, che dovrebbero essere interpretati come esplorativi, inclusi grandi aumenti dei livelli di NT-proBNP ( riduzione del 74% con la tripla terapia versus riduzione del 75% con la doppia terapia; P = 0.853 ), miglioramento della distanza percorsa a piedi in 6 minuti ( +55 m con tripla terapia vs +56.4 m con doppia terapia; P = 0.876 ) e nei parametri emodinamici come pressione arteriosa polmonare media e indice cardiaco.
Non è stato riscontrato alcun peggioramento della classe funzionale alla settimana 26.
Anche in questo caso, non c'era alcuna differenza tra i gruppi di trattamento in questi esiti secondari.

L'analisi esplorativa ha indicato un segnale per un migliore risultato a lungo termine con la tripla terapia orale rispetto alla doppia terapia orale, in fase iniziale.

Il rischio di progressione della malattia è diminuito del 41% nel gruppo iniziale della tripla terapia rispetto al gruppo iniziale della doppia terapia ( hazard ratio, HR = 0.59; IC 95%, 0.32-1.09; P = 0.087 ).
Un evento di progressione della malattia si è verificato nel 13% del gruppo tripla terapia rispetto al 21.8% del gruppo doppia terapia.

I pazienti hanno manifestato almeno un evento avverso con il gruppo tripla terapia. Gli eventi avversi che si sono verificati in più del 25% dei pazienti includevano mal di testa, diarrea, nausea, dolore alle estremità, dolore alla mandibola e vomito.
Due ( 1.7% ) pazienti nel gruppo tripla terapia e 9 ( 7.1% ) nel gruppo doppia terapia sono morti durante il periodo di studio. ( Xagena2020 )

Fonte: American Thoracic Society Virtual Meeting, 2020

Cardio2020 Pneumo2020 Farma2020


Indietro