Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Mortalità per qualsiasi causa e mortalità cardiovascolare a lungo termine con controllo intensivo della pressione arteriosa


Lo studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) ha dimostrato che il controllo intensivo della pressione arteriosa ha ridotto la morbilità e la mortalità cardiovascolare.
Tuttavia, l'effetto ereditario del trattamento intensivo è sconosciuto.

Sono stati valutati gli effetti a lungo termine della randomizzazione al trattamento intensivo con l'incidenza di mortalità cardiovascolare e per tutte le cause circa 4.5 anni dopo la conclusione dello studio.

In questa analisi secondaria di uno studio clinico randomizzato multicentrico, la randomizzazione è iniziata nel 2010, l'intervento dello studio è terminato nel 2015 e le visite di chiusura dello studio sono avvenute fino al 2016.

I pazienti di età pari o superiore a 50 anni anziani con ipertensione e aumento del rischio cardiovascolare ma senza diabete o storia di ictus sono stati inclusi da 102 Centri clinici negli Stati Uniti e a Porto Rico.
Le analisi sono state condotte nel periodo 2021-2022.

I pazienti sono stati randomizzati a un obiettivo di pressione arteriosa sistolica ( SBP ) inferiore a 120 mm Hg ( gruppo di trattamento intensivo; n=4.678 ) versus inferiore a 140 mm Hg ( gruppo di trattamento standard; n=4.683 ).

L’esito principale era un follow-up osservazionale esteso per la mortalità tramite il National Death Index degli Stati Uniti dal 2016 al 2020.
In un sottogruppo di 2.944 partecipanti allo studio, è stata esaminata la pressione arteriosa sistolica da cartelle cliniche elettroniche durante e dopo lo studio.

Tra i 9.361 partecipanti randomizzati, l'età media era di 67.9 anni e 3.332 ( 35.6% ) erano donne.
In un periodo di intervento mediano di 3.3 anni, il trattamento intensivo è stato benefico sia per la mortalità cardiovascolare ( hazard ratio HR, 0.66 ) sia per la mortalità per tutte le cause ( HR, 0.83 ).

Tuttavia, al follow-up totale mediano di 8.8 anni, non vi era più evidenza di beneficio per la mortalità cardiovascolare ( HR, 1.02 ) o per la mortalità per tutte le cause ( HR, 1.08 ).
In un sottogruppo di partecipanti, la pressione arteriosa sistolica ambulatoriale media stimata tra i partecipanti randomizzati al trattamento intensivo è aumentata da 132.8 mm Hg a 5 anni a 140.4 mm Hg a 10 anni dalla randomizzazione.

L'effetto benefico del trattamento intensivo sulla mortalità cardiovascolare e per tutte le cause non è persistito dopo lo studio. Dato l'aumento dei livelli di pressione arteriosa sistolica ambulatoriale nei partecipanti randomizzati al trattamento intensivo dopo lo studio, questi risultati hanno evidenziato l'importanza di una gestione coerente a lungo termine dell'ipertensione. ( Xagena2022 )

Jaeger BC et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 1138-1146

Cardio2022



Indietro