52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Obiettivi di pressione sanguigna in soggetti con diabete mellito di tipo 2 o alterata glicemia a digiuno


La maggior parte delle lineeguida per il trattamento dell’ipertensione raccomandano un obiettivo di pressione sanguigna inferiore a 140/90 mmHg e un obiettivo più aggressivo inferiore a 130/80 mmHg per i pazienti con diabete mellito.

Tuttavia, nel recente studio ACCORD ( Action to Control Cardiovascular Risk in Diabetes ), un obiettivo più basso di pressione sanguigna non ha portato beneficio.

Quindi l’obiettivo ottimale di pressione sanguigna in soggetti con diabete mellito o in quelli con alterata glicemia a digiuno oppure ridotta tolleranza al glucosio non è ancora stato ben definito.

È stata compiuta una revisione della letteratura per identificare studi randomizzati e controllati sulla terapia antipertensiva in pazienti con diabete mellito di tipo 2 o alterata glicemia a digiuno o ridotta tolleranza al glucosio che avevano arruolato almeno 100 pazienti con pressione sistolica inferiore o uguale a 135 mmHg nel gruppo controllo pressorio intensivo, e inferiore o uguale a 140 mmHg nel gruppo controllo pressorio standard, con un follow-up di almeno 1 anno e nei quali erano stati valutati eventi macrovascolari o microvascolari.

Sono stati identificati 13 studi clinici randomizzati per un totale di 37.736 partecipanti.

Il controllo intensivo della pressione sanguigna è risultato associato a una riduzione del 10% nella mortalità per tutte le cause ( odds ratio, OR=0.90 ), a una diminuzione del 17% nell’ictus e a un incremento del 20% negli effetti avversi gravi, ma con esiti simili per eventi macrovascolari e microvascolari ( cardiaci, renali e retinici ) rispetto al controllo pressorio standard.

Un controllo più intenso della pressione sanguigna ( inferiore o uguale a 130 mmHg ) è risultato associato a una maggiore riduzione dell’ictus, ma non ha ridotto gli alti eventi.

L’analisi di regressione ha mostrato una riduzione continua del rischio di ictus fino a una pressione sistolica inferiore a 120 mmHg.

Tuttavia, a livelli inferiori a 130 mmHg, è stato osservato un aumento del 40% negli eventi avversi gravi senza benefici per gli altri esiti.

In conclusione, questi risultati suggeriscono che in pazienti con diabete mellito di tipo 2 o alterata glicemia a digiuno o ridotta tolleranza al glucosio, un obiettivo di pressione sistolica tra 130 e 135 mmHg è accettabile.
Tuttavia, con obiettivi più aggressivi ( inferiore a 130 mmHg ), è stata osservata una eterogeneità per la quale il rischio di ictus ha continuato a scendere, ma non sono stati osservati benefici sul rischio di altri eventi macrovascolari o microvascolari ( cardiaci, renali e retinici ) e il rischio di eventi avversi gravi è addirittura aumentato. ( Xagena2011 )

Bangalore S et al, Circulation 2011; 123: 2799-2810



Cardio2011 Endo2011



Indietro