Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Pazienti con malattia coronarica stabile: Ivabradina non aumenta la pressione aortica centrale e migliora l’indice di perfusione miocardica


Il trattamento dei pazienti ipertesi con beta-bloccanti riduce la frequenza cardiaca e diminuisce la pressione arteriosa centrale meno di altri farmaci antipertensivi, il che implica che la riduzione della frequenza cardiaca senza alterare la pressione brachiale potrebbe aumentare la pressione centrale, spiegando l'aumento del rischio cardiovascolare segnalato con i beta- bloccante.

Uno studio randomizzato, in doppio cieco, ha verificato se la riduzione della frequenza cardiaca con Ivabradina ( Procoralan ), un inibitore della corrente If, abbia un impatto sulla pressione arteriosa centrale.

Lo studio ha riguardato 12 pazienti normotesi con malattia coronarica stabile, con frequenza cardiaca maggiore o uguale a 70 bpm ( ritmo sinusale ), e terapia di base con beta-bloccanti.

I pazienti sono stati trattati con Ivabradina 7.5 mg BID ( due volte die ) oppure con placebo per due periodi di 3 settimane con un disegno crossover e valutazione mediante tonometria ad applanazione.

Il trattamento con Ivabradina è risultato associato a una significativa riduzione della frequenza cardiaca a riposo dopo 3 settimane rispetto a nessun cambiamento con il placebo ( -15.8 ± 7.7 vs + 0.3 ± 5.8 bpm; p=0.0010 ).

Non c'era rilevante differenza tra i due gruppi nel cambiamento della pressione sistolica aortica centrale ( -4.0 ± 9.6 vs 2.4 ± + 12.0 mm Hg; p = 0.13 ) o dell’indice di aumento aortico ( -0.8 ± 10.0% vs + 0.3 ± 7.6%; P = 0.87 ).

Il trattamento con Ivabradina è risultato associato a un modesto aumento del tempo di eiezione del ventricolo sinistro ( + 18.5 ± 17.8 vs + 2.8 ± 19.3 ms; p = 0.074 ) e di un prolungamento del tempo di perfusione diastolica ( + 215.6 ± 105.3 vs -3.0 ± 55.8 ms con il placebo; P = 0.0005 ).
Di conseguenza, l'Ivabradina ha indotto un aumento marcato dell'indice Buckberg, un indice della vitalità miocardica ( + 39.3 ± 27.6% vs -2.5 ± 13.5% con placebo; p = 0.0015 ).

In conclusione, la riduzione della frequenza cardiaca con Ivabradina non aumenta la pressione arteriosa aortica centrale ed è associata a un marcato prolungamento del tempo di perfusione diastolica e a un miglioramento dell'indice di perfusione miocardica. ( Xagena2015 )

Dillinger JG et al, Hypertension 2015; 66: 1138-1144

Cardio2015 Farma2015


Indietro