Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Riduzione della pressione sistolica e rischio di malattie cardiovascolari e mortalità


Studi clinici hanno documentato che l'abbassamento della pressione sanguigna riduce le malattie cardiovascolari e i decessi prematuri.
Tuttavia, l'obiettivo ottimale per la riduzione della pressione arteriosa sistolica ( SBP ) è incerto.

È stata valutata l'associazione tra livelli medi di pressione sistolica ottenuti e rischio di malattia cardiovascolare e mortalità per tutte le cause negli adulti con ipertensione trattati con terapia antipertensiva.
Sono stati esaminati studi clinici con assegnazione casuale a un farmaco antipertensivo, controllo o target del trattamento.
Gli studi dovevano riportare una differenza nella pressione sistolica ottenuta di 5 mm Hg o più tra i gruppi di confronto.

È stata confrontata l'associazione tra ciascuna categoria di pressione sistolica di 5 mm Hg e gli esiti clinici dopo l'aggiustamento per il rischio di base.

Gli esiti principali erano le malattie cardiovascolari e la mortalità per tutte le cause.

Hanno soddisfatto i criteri di ammissibilità 42 studi con 144.220 pazienti.

In generale, esistevano associazioni lineari tra pressione sistolica media e rischio di malattia cardiovascolare e mortalità, con un rischio più basso tra 120 e 124 mm Hg.

I gruppi randomizzati con pressione sistolica media compresa tra 120 e 124 mm Hg presentavano un hazard ratio ( HR ) per malattia cardiovascolare maggiore di 0.71 rispetto ai gruppi randomizzati con pressione sistolica media da 130 a 134 mm Hg, un hazard ratio ( HR ) di 0.58 rispetto a quelli con sistolica media raggiunta da 140 a 144 mm Hg, un hazard ratio di 0.46 rispetto a quelli con sistolica media raggiunta da 150 a 154 mm Hg, e un hazard ratio di 0.36 rispetto a quelli con una sistolica media raggiunta di 160 mm Hg o superiore.

  Allo stesso modo, i gruppi randomizzati con una sistolica media da 120 a 124 mm Hg presentavano un hazard ratio per mortalità per tutte le cause di 0.73 rispetto a gruppi randomizzati con pressione sistolica media raggiunta da 130 a 134 mm Hg, un hazard ratio di 0.59 rispetto a quelli con pressione sistolica media raggiunta da 140 a 144 mm Hg, un HR di 0.51 rispetto a quelli con sistolica media raggiunta da 150 a 154 mm Hg e un HR di 0.47 rispetto a quelli con sistolica media raggiunta di 160 mm Hg o superiore.

In conclusione, la riduzione della pressione sistolica a livelli inferiori agli obiettivi attualmente raccomandati riduce significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e di mortalità per tutte le cause.
Questi risultati supportano un controllo più intensivo della sistolica tra gli adulti con ipertensione. ( Xagena2017 )

Bundy JD et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 775-781

Cardio2017



Indietro