Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Selexipag per il trattamento della ipertensione arteriosa polmonare


In uno studio di fase 2, Selexipag ( Uptravi ), un agonista selettivo del recettore prostanoide IP orale, ha dimostrato di essere utile nel trattamento dell'ipertensione arteriosa polmonare.

In questo studio randomizzato, in doppio cieco, di fase 3, controllato con placebo, 1.156 pazienti con ipertensione arteriosa polmonare sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo oppure Selexipag a dosi individuali ( dose massima, 1.600 mcg due volte al giorno ).

I pazienti erano eleggibili per l'arruolamento nello studio se non stavano ricevendo un trattamento per l'ipertensione arteriosa polmonare o se stavano assumendo una dose stabile di un antagonista del recettore dell'endotelina, un inibitore della fosfodiesterasi di tipo 5, o entrambi.

L'endpoint primario era un composito di morte per qualsiasi causa o una complicanza correlata all’ipertensione arteriosa polmonare fino alla fine del periodo di trattamento ( definito per ogni paziente a 7 giorni dalla data dell'ultima assunzione di Selexipag oppure placebo ).

Un evento dell’endpoint primario si è verificato in 397 pazienti, il 41.6% dei pazienti nel gruppo placebo e il 27.0% dei pazienti nel gruppo Selexipag ( hazard ratio nel gruppo Selexipag rispetto al gruppo placebo, HR=0.60; P minore di 0.001 ).

La progressione della malattia e l’ospedalizzazione hanno rappresentato l’81.9% degli eventi.

L'effetto di Selexipag in merito all’endpoint primario è risultato simile nel sottogruppo di pazienti che non erano in cura per la malattia al basale e nel sottogruppo di pazienti che erano già in trattamento al basale ( inclusi quelli che stavano ricecendo una combinazione di due terapie ).

Alla fine dello studio, 105 pazienti nel gruppo placebo e 100 pazienti nel gruppo Selexipag erano deceduti per qualsiasi causa.

Nel complesso, il 7.1% dei pazienti nel gruppo placebo e il 14.3% dei pazienti nel gruppo Selexipag ha interrotto prematuramente il regime assegnato a causa di eventi avversi.

Gli eventi avversi più comuni nel gruppo Selexipag erano coerenti con i noti effetti collaterali della prostaciclina, tra cui mal di testa, diarrea, nausea e dolore mandibolare.

In conclusione, nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare, il rischio di endpoint primario composito di morte o una complicanza correlata all’ipertensione arteriosa polmonare è stato significativamente più basso con Selexipag che con placebo.
Non vi è stata alcuna differenza significativa nella mortalità tra i due gruppi di studio. ( Xagena2015 )

Sitbon O et al, N Engl J Med 2015; 373: 2522-2533

Cardio2015 Pneumo2015 Farma2015


Indietro