Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Significato prognostico della pressione al momento della presentazione nei pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento ST sottoposti a PCI


È stato valutato l'impatto della normale pressione arteriosa verso gli alti valori, alla presentazione, sugli esiti clinici e sulla funzione cardiaca nei pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento ST.

In una coorte di 11.292 pazienti, è stata confrontata la mortalità in ospedale e gli eventi avversi clinici maggiori ( MACE; morte per tutte le cause, infarto miocardico non-fatale, o qualsiasi rivascolarizzazione ) durante il follow-up tra i pazienti con valori nomali di pressione sistolica alla presentazione ( 100 mm Hg o superiore e inferiore o uguale a 139 mm Hg ) e con alti valori ( 140 mm Hg o superiore ).

Rispetto ai pazienti con alta pressione arteriosa, i pazienti con valori normali di pressione avevano significativamente più alta mortalità ospedaliera ( 1.5% vs 3.7%; P minore di 0.001 ), in particolare quelli con precedente ipertensione, e più alti tassi di mortalità per tutte le cause ( 3.3% vs 5.3%; P minore di 0.001 ) e MACE ( 9.8% vs 11.8%; P=0.04 ) durante il follow-up ( mediana, 330 giorni ).

Dopo aggiustamento multivariato, la pressione normale è risultata associata a più alto rischio di mortalità ospedaliera ( hazard ratio aggiustato, aHR=2.268; P=0.019 ), ma non a mortalità per qualsiasi causa ( aHR=0.956 ) o MACE ( aHR=0.935 ).

La frazione di eiezione ventricolare sinistra al basale e al follow-up è risultata significativamente più bassa nei pazienti con pressione arteriosa normale ( 52% vs 51%; P minore di 0.001 e 55% vs 54%; P=0.018, rispettivamente ).

Dallo studio è emerso che i pazienti con normali valori pressori alla presentazione, in particolare quelli con una precedente ipertensione, presentavano una più elevata mortalità ospedaliera e una peggiore funzione cardiaca, rispetto ai pazienti con alti valori pressori.
Anche se gli esiti durante il follow-up non hanno mostrato differenze, la funzione cardiaca è rimasta persistentemente scarsa nei pazienti che presentavano valori pressori normali. ( Xagena2015 )

Park JS et al, Am J Hypertens 2015; 28: 797-805

Cardio2015



Indietro