52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Stretto controllo della pressione sanguigna ed esiti cardiovascolari tra i pazienti ipertesi con diabete e malattia coronarica


Le lineeguida per l'ipertensione sostengono che sia necessario portare la pressione sistolica a meno di 130 mmHg nei pazienti con diabete mellito; tuttavia, mancano dati relativi alla popolazione, sempre più numerosa, dove si riscontra anche coronaropatia.

Uno studio si è posto l’obiettivo di determinare l'associazione tra controllo della pressione sistolica e gli esiti avversi cardiovascolari in una coorte di pazienti con diabete e malattia coronarica.

È stata condotta un'analisi osservazionale su un sottogruppo di 6.400 dei 22.576 partecipanti allo studio INVEST ( International Verapamil SR-Trandolapril ).

Le persone incluse in questa analisi avevano almeno 50 anni ed erano affette da diabete mellito e malattia coronarica.

I partecipanti sono stati reclutati nel periodo 1997-2000 in 862 Centri di 14 Paesi e sono stati seguiti fino a marzo 2003 con un'estensione del follow-up fino ad agosto 2008 attraverso il National Death Index per i partecipanti provenienti dagli Stati Uniti.

I pazienti sono stati trattati con una terapia di prima linea con un calcioantagonista o un beta-bloccante seguiti da un Ace inibitore, un diuretico o entrambi per raggiungere un livello di pressione sistolica inferiore a 130 e diastolica inferiore a 85 mmHg.

I pazienti sono stati classificati nel gruppo controllo stretto se riuscivano a mantenere la pressione sistolica al di sotto dei 130 mmHg; controllo normale se la pressione sistolica si posizionava tra 130 mmHg e meno di 140 mmHg, e fuori controllo se la pressione sistolica era uguale o superiore a 140 mmHg.

Le principali misure di esito erano gli esiti avversi cardiovascolari, inclusi gli esiti primari che erano la prima manifestazione di morte per tutte le cause, infarto del miocardio non-fatale o ictus non-fatale.

In un follow-up di 16.893 pazienti-anno, 286 pazienti ( 12.7% ) che avevano mantenuto un controllo stretto , 249 ( 12.6% ) con un controllo normale e 431 ( 19.8% ) che non erano sotto controllo sono andati incontro a un evento di esito primario.

I pazienti del gruppo controllo normale hanno mostrato un tasso di evento cardiovascolare pari a 12.6% vs 19.8% dei pazienti nel gruppo non-controllato ( hazard ratio aggiustato, HR=1.46; P minore di 0.001 ).

Tuttavia, è stata osservata poca differenza tra quelli con controllo normale e quelli con controllo stretto: i rispettivi tassi di evento sono stati 12.6% vs 12.7% ( HR aggiustato, 1.11; P=0.24 ).

Il tasso di mortalità per tutte le cause è stato pari a 11% nel gruppo controllo stretto vs 10.2% in quello controllo normale ( HR aggiustato, 1.20; P=0.06 ); tuttavia quando è stata inclusa l'estensione del follow-up, il rischio di mortalità per tutte le cause è risultato pari a 22.8% nel gruppo controllo stretto vs 21.8% nel gruppo controllo normale ( HR aggiustato, 1.15; P=0.04 ).

In conclusione, un controllo stretto della pressione sistolica in pazienti con diabete mellito e coronaropatia non è risultato associato a miglioramento degli esiti cardiovascolari rispetto a un controllo normale. ( Xagena2010 )

Cooper-DeHoff RM et al, JAMA 2010; 304: 61-68



Farma2010 Cardio2010 Endo2010





Indietro