Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Trattamento per abbassare la pressione sanguigna in base al rischio cardiovascolare


Si è verificato se i benefici dei farmaci per abbassare la pressione sanguigna siano proporzionali al rischio cardiovascolare basale, per stabilire se il rischio assoluto possa essere utilizzato per prendere decisioni di trattamento relative alla terapia per abbassare la pressione, come raccomandato per la terapia ipolipemizzante.

Una meta-analisi ha incluso i dati dei partecipanti da studi che hanno assegnato i pazienti in modo casuale a farmaci per abbassare la pressione sanguigna o placebo, o a regimi più intensivi o meno intensivi per abbassare la pressione.

L'esito primario era il numero totale di eventi cardiovascolari maggiori, composto da ictus, infarto miocardico, insufficienza cardiaca, o morte cardiovascolare.

I partecipanti sono stati divisi in quattro categorie di rischio cardiovascolare maggiore a 5 anni, al basale, utilizzando un'equazione di previsione del rischio sviluppata dai gruppi placebo degli studi inclusi ( meno di 11%, 11-15%, 15-21%, più di 21% ).

11 studi e 26 gruppi randomizzati hanno soddisfatto i criteri di inclusione, comprendendo 67.475 persone, di cui 51.917 avevano dati disponibili per il calcolo delle equazioni di rischio.

4.167 ( 8% ) soggetti hanno manifestato un evento cardiovascolare durante una media di 4.0 anni di follow-up.

I livelli basali medi stimati di rischio cardiovascolare a 5 anni per ciascuno dei quattro gruppi di rischio sono stati: 6.0%, 12.1%, 17.7% e 26.8%.

In ogni gruppo di rischio più elevato, il trattamento per abbassare la pressione sanguigna ha ridotto il rischio di eventi cardiovascolari relativamente del 18%, del 15%, del 13% e del 15%, rispettivamente ( P=0.30 per trend ).

Tuttavia, in termini assoluti, il trattamento di 1.000 pazienti in ciascun gruppo di trattamento per abbassare la pressione sanguigna per 5 anni impedirebbe il verificarsi, rispettivamente, di 14, 20, 24 e 38 eventi cardiovascolari, ( P=0.04 per trend ).

L'abbassamento della pressione sanguigna ha fornito una protezione relativa simile a tutti i livelli di rischio cardiovascolare al basale, ma anche un progressivo aumento delle riduzioni di rischio assoluto con l'aumentare del rischio basale.
Questi risultati supportano l'uso di equazioni per il rischio di malattie cardiovascolari previsto al basale per decidere il trattamento per abbassare la pressione sanguigna. ( Xagena2014 )

The Blood Pressure Lowering Treatment Trialists' Collaboration, Lancet 2014;384:591-598

Cardio2014



Indietro